SIDERNO (RC): CONVEGNO SUL PIANETA SALUTE NELLA LOCRIDE. ECCO GLI INTERVENTI !

260

L’incontro , nato sotto il tema ” Etica medica e spending rewiew a confronto”, al quale ha partecipato Andrea Urbani, Direttore generale del Ministero della salute, si è aperto con l’introduzione della presidente dell’ Ammi, Anna Maria Ferraro Macrì , che si è soffermata ampiamente sulle necessità sanitarie della Locride lasciando, poi, la parola al Vescovo della Diocesi Locri Gerace Mons. Francesco Oliva. Il presule ha tenuto a precisare che il cittadino , nel delicato settore della salute, deve essere assolutamente privilegiato e non ha mancato di soffermarsi brevemente sulla precaria situazione esistente nella locride auspicando che con una gestione piu’ oculata si possa garantire questo fondamentale diritto. Quindi è intervenuto il sindaco di Siderno Pietro Fuda che ha aauspicato che si possa trovare “un concreto e appropriato compromesso tra responsabilità manageriali e bisogno di autonomia e responsabilità richiesti dal medico”. Parlando del problema dei costi ha affermato che se esite “va affrontato su terreni e con strumenti appropriati come ad esempio la riqualificazione delle professionaliutà esistenti, l’inserimento nel sistema di nuove professionalità qualificate e un ricorso piu’ deciso a strategie cliniche che stimolino la creazione di aun ambiente che favorisca l’eccellenza professionale”. Quindi è intervenuto il Direttore generale dellì’ Asp reggina, Giacomino Brancati cheha definito un cammino “immane” quello che si sta facendo in provincia di Reggio Calabria ma ha evdinziato che laddove esistono settori dove si lavora adeguatamente ( ha fatto l’esempio del reparto di Ostetricia del nosocomio Locrede e di quello di Polistena) le risposte ci sono e sono ottimali.” Quando l’attività gestionale è coniugata con l’attività clinica, malgrado le difficoltà i risultati arrivano ; i settori dove gli operatori lavorano insieme ci consentono di avere speranza. Dove non ci sono risultati bisogna fare di piu’”. Poi è intervenuto l’ex responsabile del pronto soccorso di Locri, Giuseppe Zampogna , che in qualità di responsabile dell’ ordine dei medici che si è soffermato sui giovani e sulla necessità del “tutoraggio” in modo da fare formare adeguatamente i medici. Quindi è stata l’ On. Maria Grazia Laganà. oggi distaccata proprio presso il Ministero della Salute, a parlare a lungo del dott. Andrea Urbani e dell’impegnativo lavoro che sta svolgendo nel campo della sanità auspicando un impegno deciso anche per l’ Ospedale di Locri e per il territorio della Locride. A soffermarsi i n maniera dettagliata sulla situazione della sanità del territorio è stato, infine , Giuseppe Grenci, sindaco di Ardore e presidente del Comitato dei sindaci presso l’ Asp di Reggio Calabria che, tra l’altro, ha puntato l’indice contro il Dg Giacomino Brancati “reo” di aver disertato piu’ volte l’invito a confrontarsi con il Comitato di rappresentanza. Grenci, che si è detto d’accordo con Urbani per parecchie delle sue considerazioni ha auspicato che dall’interessante confronto possa nascere una strategia positiva per il territorio. Poi si è aperto il dibattito che ha coinvolto molte persone tra le quali l’ On. Angela Napoli e l’ex direttore sanitario dell’Ospedale di Locri Antonio Previte e i medici Giovanni Condemi ( Oncologia) e Pino Macrì ( Ostetricia) che lo scorso anno nella sua qualità di presidente del Lions Club di Locri aveva ospitato altro importante convegno sulla delicata tematica organizzato dalla presidente di zona Lions, Silvana Porcella Fonti con la partecipazione diretta dei presidenti Lions di Roccella ( Orazio Violante), Polistena ( Antonino Napoli) e Taurianova (Leopoldoi Muratori) che avevano anche inviato al Ministro della salute Beatrice Lorenzin una apposita relazione sulle problematica sanitarie della provincia reggina. A quella iniziativa. di grande risonanza, partecipò anche il Capogabinetto del Ministero della salute Giuseppe Chinè.

Aristide Bava

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.