Siderno (Rc): presentazione “Il pianto del monachello” di Alessandro Stella

241

Un romanzo in bianco e nero, che fa venire all’appassionato lettore la  nostalgia di un tempo non vissuto. Una storia di apparente perdita
dell’innocenza e della continua ricerca della propria essenza, da  perpetrare anche a costo di finire sotto terra. In senso stretto. “Il pianto del monachello” di Alessandro Stella (2017, Pellegrini editore) è un piccolo capolavoro di romanticismo, che se dovesse mai  diventare un film, ricorderebbe certe belle pellicole del cinema italiano, da “Nuovo Cinema Paradiso” a “Poveri ma belli”, passando per  “Il Postino” di Massimo Troisi, per vivere, attraverso la sua avvincente  trama “La grazia, o il tedio a morte, di vivere in provincia”. Dopo averlo letto, infatti, ci piace immaginare il compianto attore partenopeo interpretare il giovane protagonista Alessandro e Philippe  Noiret don Cola, lo strampalato – all’apparenza – impiegato che coltiva una sua missione segreta ma dalla grande valenza sociale. Ambientato in un paesino della Calabria del 1940, che alla fine l’autore
svela essere riconducibile a Tropea, è un affresco di una Calabria che  fu, tra miseria, semplicità, superstizione e un Paese da ricostruire  dopo gli orrori della guerra, che toglie risorse e affetti, che disegna  gerarchie sociali cristallizzate nei secoli e racconta chi eravamo e chi  siamo diventati, compresa una ‘ndrangheta rurale impersonata dal boss Turi Menzaricchi che si trasforma in bestia violenta e affarista, tanto  da insinuarsi nelle nuove e fragili istituzioni della democrazia ritrovata. Un romanzo dalla forte valenza educativa e che lascia un retrogusto  dolce amaro, dopo averlo assaporato tutto d’un fiato, anche se  ambientato in un epoca in cui i pidocchi e i capelli dei bambini erano  un tutt’uno con la fame nera che costringeva a lunghi digiuni, intervallati da furtivi “pasti” a base di bucce d’arancia sporche di escrementi di gallina. In ogni pagina, ognuno di noi può ritrovare un pezzo di quel passato che ancora resiste, fatto di credenze popolari e “magare” che rappresentavano i punti di riferimento di una gente semplice e non secolarizzata, che imparava, piano a piano, a diventare popolo. “Il pianto del monachello” verrà presentato sabato 17 marzo alle ore 18
nello spazio culturale “MAG. La ladra di Libri”.
Gianluca Albanese dialoga con l’autore.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.