Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

AUMENTANO I TUMORI NELLA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

8094

Aumento delle patologie oncologiche nel territorio reggino, le nostre preoccupazioni erano fondate.

A seguito delle nostre segnalazioni concernenti l’aumento delle patologie oncologiche nel territorio reggino, l’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria, con nota dello scorso 27 marzo ci ha comunicato: “A riscontro della nota ricevuta si trasmette il documento prodotto presso il Registro Tumori dell’ASP:“I tumori nella Provincia di Reggio  Calabria  Rapporto  2018 ” ufficialmente   presentato  in  data  8  febbraio  c.a.

presso la Prefettura di Reggio Calabria. Il documento offre un quadro esaustivo e dettagliato della distribuzione della patologia oncologica nella nostra Provincia e, dunque anche nel Reggino. 

Lo stesso documento evidenzia che l’incidenza dei tumori nella nostra Provincia registra valori più bassi rispetto ai valori medi nazionali. Analizzando le tre diverse aree distrettuali, poi, quella di Reggio Calabria registra, per alcune patologie tumorali come Pancreas, Mesotelioma, Mammella, Prostata, Vescica e tumori emolinfopoietici, valori di incidenza, statisticamente significativi, maggiori rispetto al resto del territorio provinciale.

Va segnalato che l’area, oltre a fare riferimento alla città di Reggio Calabria che già è caratterizzata da una densità di popolazione maggiore rispetto al resto del territorio provinciale, è sede di alcune fonti di esposizione a rischio di inquinamento ambientale come le due aree portuali di Reggio Calabria e Villa San Giovanni, alcuni Siti ad Alto Rischio (Pentimele, Secche Aquile-Scilla, Pietrastorta-RC) già caratterizzati, rientranti nel Piano Stralcio 2012 regionale per la bonifica dei Siti Inquinati, alcune aree utilizzate come discariche abusive, alcune delle quali già sottoposte a sequestro dai Carabinieri Forestali, la rete autostradale Salerno-Reggio Calabria a più intenso traffico rispetto alle altre arterie provinciali.

Sono questi i fattori di rischio per la popolazione che dovrebbero essere alla base delle differenze registrate nel Distretto di Reggio Calabria rispetto al resto del territorio provinciale e il rapporto pubblicato, risultato, inoltre, di un percorso complesso e articolato di accreditamento dei dati del Registro tumori da parte dell’Associazione dei registri Tumori Italiani (AIRTUM) (circa 1700 controlli), non ha nulla a che vedere con i registri di mortalità  “passa parola”  che  sebbene  partano  da iniziative  orientate  a

stimolare le attività di sorveglianza e controllo delle patologie tumorali, non hanno alcun valore “legale” scientifico e ufficiale. Si coglie l’occasione per segnalare, inoltre, che è in corso di completamento la registrazione dei casi incidenti relativi al 2013 e che entro giugno verrà pubblicato un nuovo rapporto sui quattro anni di attività del Registro Tumori. ”.

Dal rapporto dell’ASP emerge tra l’altro che il primo cluster, centrato nei comuni di Seminara e Palmi ed esteso fino a Reggio Calabria a Sud, presenta un rischio relativo di

1,16, ovvero un eccesso di decessi per tumore nel sesso maschile rispetto alla media regionale statisticamente significativo.

Il  secondo cluster, relativo ai tumori femminili, è stato individuato con centro nei comuni di Montebello Ionico e Motta San Giovanni,  comprendente  sempre  il Comune

di Reggio Calabria. Quest’area mostra un eccesso di rischio per tumori femminili (RR=1,2) statisticamente significativo.

Nel sesso femminile si evidenzia un cluster a maggiore rischio, rispetto al contesto provinciale, in un’area centrata nei comune di Motta San Giovanni ed esteso fino al Comune di Reggio Calabria con un rischio relativo pari a 1,16. In entrambi i casi questi cluster sembrano confermare le mappe.

Tra le fonti di  esposizione a rischio di inquinamento ambientale sono incluse aree utilizzate a discariche abusive, alcune delle quali poste sotto sequestro dalle Forze di Polizia. Ciò fa molto riflettere, e ci preoccupa non poco, atteso che numerose sono le fonti di esposizioni a rischio presenti sul territorio del Comune di Motta SG e  non si comprende come mai, mentre in altri Comuni reggini le forze di polizia intervengono ponendo sotto sequestro le fonti potenzialmente inquinanti a Motta San Giovanni non si muove foglia, nonostante le numerose documentate segnalazioni della scrivente associazione.

Ringraziamo l’ASP per la gentile comunicazione e apprezziamo che dopo tanto tempo e  nonostante le difficoltà incontrate  finalmente è stato istituito il registro  dei tumori nella

provincia di Reggio Calabria.  Sebbene   i registri di mortalità “passa parola” non hanno alcun valore “legale” scientifico e ufficiale, tuttavia confermano in maniera inconfutabile una realtà piuttosto diversa da quella che emerge dallo studio dell’ASP.

Atteso che l’Ambiente non ha confini, la documentazione è stata inviata anche ai Sindaci della Città Metropolitana di Reggio Calabria per eventuali provvedimenti di loro competenza.

 

Vincenzo CREA

Referente unico dell’ANCADIC[i]

e Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto”

 

 

 

 

[i] Vincenzo CREA  Referente unico dell’A.N.CA.DI.C – Responsabile e coordinatore del territorio nazionale  e Responsabile del Comitato  spontaneo “Torrente Oliveto”  via Nazionale 92  89062 Lazzaro Tel. 349/4090168 email: vincenzocrea@email.it.-pec:vincenzocrea@pec.it

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.