Locride (Rc): “Maramandra” tra i finalisti del Festival Internazionale del film corto “Tulipani di Seta Nera”

587

🎬Il cortometraggio MARAMANDRA prodotto da BirdProduction per la Regia di Lele Libero Nucera è stato selezionato al Festival Internazionale Film Corto “Tulipani di Seta Nera” 🎥

Potete guardarlo integralmente al link qui sotto  e condividerlo!
L’Opera che avrà più visualizzazioni riceverà il Premio Sorriso Diverso Rai Cinema quindi amici…. BUENA VISION!

http://www.tulipanidisetanera.rai.it/dl/portali/site/articolo/ContentItem-da11b468-5b78-4eb5-8e5d-e16b0c7cda89.html

CLICCATE IL LINK PER VEDERE IL VIDEO
http://www.tulipanidisetanera.rai.it/dl/portali/site/articolo/ContentItem-da11b468-5b78-4eb5-8e5d-e16b0c7cda89.html

Francesco Loccisano Epoli Pio Chiodo Alberto Gatto Chiara Melìa

TITOLO

MARAMANDRA

DURATA

13’37”

REGIA

Vincenzo Alessandro Nucera

ANNO DI PRODUZIONE

2017

OPERA PRIMA

SI

GENERE

Cortometraggio

CAST ARTISTICO

FRANCESCO PUGLIESE (ROCCO),MARY CARNUCCIO (EMMA LIBERA),

LELE NUCERA (PADRE DI ROCCO),

VINCENZO TROPEPE (MASTRO LIUTAIO)

CAST TECNICO

SOGGETTO: LELE NUCERAREGIA E SCENEGGIATURA: LELE NUCERA

FOTOGRAFIA: ROBERTO STRANGES

MONTAGGIO: ALBERTO GATTO

PRODUTTORE ESECUTIVO: ALBERTO GATTO

OPERATORE MDP: ALDO ALBANESE

PRESA DIRETTA, EDITING E MASTERING

AUDIO: ANTONIO CASELLA

SCENOGRAFO: EPOLI PIO CHIODO

COSTUMISTA: PAOLA D’ORSA

TRUCCATRICE E PARRUCCHIERA: FRANCESCA CALVI

MUSICA: FRANCESCO LOCCISANO

PRODUTTORE: BIRD PRODUCTION, BIRDLAND STUDIOS IN COLLABORAZIONE CON SCUOLA DI CINEMATOGRAFIA

SINOSSI

Rocco è un bambino che non va a scuola perché fa parte della comunità Rom. Il padre, anziché mandarlo a scuola, lo fa lavorare con lui nello sfasciacarrozze di proprietà della famiglia. Questa emarginazione scolastica e di conseguenza anche sociale, genera nel bambino un senso di disagio e insicurezza nel rapportarsi con i suoi coetanei.  La musica, che è la  grande passione di Rocco, è l’anello di congiunzione tra le due diverse culture. 

Nei momenti liberi e lontano da occhi indiscreti, Rocco suona e costruisce uno strumento musicale, la lira calabrese, grazie agli esempi di un artigiano del paese per il quale svolge delle piccole commissioni. La sua vita scorre tra il lavoro e i momenti di evasione nei quali spia dalla finestra quelli che dovrebbero essere i suoi compagni scuola ma che egli non hai mai conosciuto. Più volte al giorno , in sella alla sua bicicletta, attraversa un lungo ponte che separa e ricongiunge il mondo da cui scappa e quello a cui desidera fortemente appartenere. Alle richieste di Rocco di poter andare a scuola, il padre si oppone sempre con fermezza. Non cede neanche quando il dirigente scolastico minaccia di rivolgersi agli assistenti sociali. Ma qualcosa succede, cosi Rocco può iniziare a frequentare le lezioni insieme alla sua compagna Emma Libera a cui regala la Lira che stava segretamente costruendo. In un tripudio di colori, musiche e costumi, il cinema si fonde con la realtà, Rocco e tutta la comunità Rom festeggia insieme ai compagni di scuola senza distinzione di razza o religione. Il sorriso di Rocco che piange felice nel suo letto, ci insegna che la purezza dell’animo di un bambino non conosce differenze di cultura, razza o religione.

 

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.