Ven. Mar 1st, 2024

Appellativi denigratori e punizioni quotidiane che avevano creato un clima di terrore nella classe. Era questo, secondo l’accusa, il comportamento dell’insegnante ultra sessantenne di una scuola elementare di Tortora, nel cosentino, sospesa per 6 mesi con l’accusa di maltrattamenti. Dalle indagini è emerso che la donna, insegnante di storia e geografia, vessava sistematicamente i ragazzini della quinta classe, prendendo di mira a turno un alunno, senza che vi fossero dei fattori scatenanti. Le indagini sono iniziate nel novembre scorso, dopo la denuncia di una coppia, alla quale, a breve distanza, se ne sono aggiunte altre tre. “Non si trattava di soli atteggiamenti punitivi, ma di metodi di insegnamento fuori da ogni regola, basati su condotte vessatorie e atteggiamenti persecutori” ha detto il vicequestore aggiunto e dirigente del commissariato di Paola Domenico Lanzaro. L’attività investigativa, coordinata dalla Procura di Paola diretta da Pierpaolo Bruni, ha consentito di immortalare la maestra durante le ore scolastiche mentre maltrattava, con sistematiche violenze psicologiche e minacce, gli alunni. “Il comportamento dell’insegnante – ha commentato il questore di Cosenza Giancarlo Conticchio – colpisce perché dagli educatori ci si aspetta un comportamento diverso. L’invito che faccio ai genitori è quello di porre in essere una capacità di ascolto maggiore, perché i ragazzi ci dicono tante cose, non solo verbalmente ma anche con il comportamento”.

Continua dopo la pubblicità...


Calura
StoriaDiUnaCapinera
Testata
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Print Friendly, PDF & Email