Dom. Feb 28th, 2021

 

I Componenti la Segreteria  Regionale del  Movimento Sociale Italiano-Fiamma Tricolore ritornano con una nota inviata alla redazione di Telemia sui fatti di Riace: l’attualità ci costringe a tornare ancora sulle vicende di Riace e del suo Sindaco, Mimmo Lucano, in occasione della pubblica assemblea convocata dallo stesso, aldilà delle formalità dichiarate, per rilanciare le lagnanze solite rispetto alle misure prese dalle Istituzioni nazionali rispetto alle erogazioni economiche assegnate al “Progetto Riace” che sono state prudentemente congelate atteso le gravi irregolarità che sono emerse a seguito delle ispezioni prefettizie e che sono tutt’oggi oggetto di indagine giudiziaria.

La Segreteria Regionale del MSI-Fiamma Tricolore, alla luce di quanto sopra ed in coerenza con le posizione da sempre avuta sulla problematica, ritiene che questa assemblea pubblica, sia assolutamente propagandistica, come d’altronde tutta l’azione portata avanti dal Lucano in questi anni. A quest’ultima mossa, crediamo sia assolutamente da evitare che il Presidente Oliverio, che correttamente ha accettato l’invito a partecipare all’iniziativa, possa passare dal ruolo istituzionale a quello di compagno di partito e sodale ideologico, magari pensando di alleviare i disagi della situazione economica in cui è stata fatta precipitare Riace a causa delle certe irregolarità gestionali all’attenzione degli inquirenti, facendo pagare ai Calabresi, in questo caso per la seconda volta, il costo di tali irregolarità, elargendo all’amministrazione riacese una qualche somma che, visto la situazione dei conti della Regione, sarebbe distratta da altri capitoli certamente essenziali per la Comunità calabrese, quali  Servizi Sociali, Sanità, Sostegno alla Povertà ed all’Occupazione e quant’altro.  Ciò non sarebbe, o meglio non dovrebbe essere, tollerato dai Calabresi onesti ed in buonafede, che già stanno sopportando tagli di ogni genere sempre e solo sulle loro spalle e mai su quelli della Casta politica e burocratica.

Per noi del MS- Fiamma Tricolore, e per la gran parte dei Calabresi e degli Italiani,  il sindaco Lucano è innocente, come lo sarebbero tutti i Cittadini italiani (salvo siano rei confessi) fino a sentenza contraria, ma soprattutto riteniamo che delle eventuali inadempienze e reati non si debba attribuire le conseguenze ai Cittadini ma solo agli autori, chiunque essi siano.

Non parteciperemo a questa ennesima prova di forza del sindaco Lucano ma ci auguriamo che vi partecipi la legalità, la dignità e la giustizia.

 

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.