Mer. Mag 19th, 2021

No del gruppo Ncd: “mancanza di ratio”. Oliverio: é norma nuova

Il Consiglio regionale ha approvato a maggioranza, con l’autorizzazione al coordinamento formale la “Legge organica in materia di relazioni tra la Regione Calabria, i calabresi nel mondo e le loro comunità”. Sulla proposta ha annunciato il voto contrario del gruppo Ncd il consigliere Sinibaldo Esposito, che ha motivato la decisione con “la mancanza di ratio di una legge che non contiene nessuna normativa per abbattere le spese di rappresentanza ed i rimborsi. Non ci convince – ha aggiunto Esposito – la ricostituzione di una Consulta alla quale è riconosciuta la facoltà di reperire esperti tra il personale regionale di fascia D, e la stessa distribuzione dei finanziamenti. Non si tratta di essere poco sensibili rispetto al tema. Il problema é che si istituisce un nuovo carrozzone e non si va al contenimento della spesa”. Sul punto ha risposto il Presidente della Giunta, Mario Oliverio. “C’è innanzitutto la volontà – ha detto il Governatore – di rilanciare un rapporto tra la Regione Calabria e le nostre comunità nel mondo. La norma ha un’impostazione innovativa. In passato sono state sprecate risorse immense, con la Fondazione che abbiamo deciso di mettere in liquidazione. Il finanziamento di 300 mila euro rappresenta solo l’essenziale rispetto ai milioni di euro macinati negli anni scorsi. Forse avremmo dovuto discutere sul merito, di come i calabresi nel mondo possono contribuire alla crescita della Calabria”. Fausto Orsomarso (Misto), intervenuto per dichiarazione di voto, ha ricordato di avere votato a favore della legge già in Commissione bilancio. “Per l’ennesima volta – ha detto rivolto al Presidente Oliverio – non si può parlare di cose positive elencando cose negative. E non voglio difendere niente e nessuno. Bene questa proposta di legge, ma poco convincente nella sua impostazione”. Domenico Tallini, nel motivare il voto “a favore ma condizionato” di Forza Italia, ha ammesso di avere condiviso molta parte dell’intervento del Presidente Oliverio. “Sono d’accordo sul fatto – ha detto Tallini – che fino ad oggi le politiche per i calabresi del mondo sono state spese male, ma questo ha riguardato tutte le amministrazioni, anche una parte di questa amministrazione. Capisco che non è tempo di giocare con questi strumenti. Sarebbe opportuno – ha aggiunto Tallini – che, come avviene con le elezioni nazionali, i calabresi nel mondo potessero esprimere un loro rappresentante nel Consiglio regionale”. Tallini che ha proposto al Presidente Oliverio di inserire in Giunta “un calabrese che simboleggi l’affermazione dei calabresi del mondo”. Alessandro Nicolò ha detto di condividere la legge, sottolineato il lavoro del collega Fausto Orsomarso e l’atteggiamento costruttivo dell’opposizione che ha consentito il completamento dell’iter legislativo. Nicolò ha anche ufficializzato la sua adesione al Gruppo Misto nella componente di Fratelli d’Italia.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.