3 Dicembre 2020

Iniziativa in comune catanzarese, “non dimenticare sua storia”

É stata inaugurata oggi pomeriggio a Montepaone una statua di Angelo, il cane seviziato e ucciso nel novembre del 2016 a Sangineto (Cosenza) da quattro giovani che per quell’atto sono stati condannati ad un anno e quattro mesi di reclusione ciascuno. Lo rende noto Rinaldo Sidoli, responsabile nazionale iniziative speciali della Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente. “La storia di Angelo – afferma Sidoli – non deve essere dimenticata. Deve continuare a vivere nei cuori di tutte le persone e diventare il simbolo per il rispetto della vita. Angelo è morto in cerca di una carezza, senza fare un gemito, in silenzio. Mentre veniva impiccato e preso a mazzate, chiedeva un po’ di pietà ai suoi quattro carnefici, scodinzolando”. “Questa giornata – dice ancora Sidoli – sia un momento per richiedere di punire con maggiore severità reati come l’uccisione di animali e il maltrattamento, specialmente quando sono accompagnati da crudeltà, efferatezza e compiacimento”.

“Ringraziamo le associazioni ‘Be Positive Factory’ e ‘SOS Quattro Zampe – dice ancora Rinaldo Sidoli – per la realizzazione di un monumento di speranza contro un mondo perverso e violento”. “Queste iniziative – conclude – servono ad educare e sensibilizzare le coscienze contro simili crimini”.

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.