Ven. Mag 7th, 2021

Si è riunito in data odierna il Comitato Esecutivo CISL Calabria.Il segretario generale Paolo Tramonti ha svolto la relazione introduttiva affrontando le principali questioni a livello economico e sociale del momento con particolare riferimento ai temi di carattere regionale.

Sull’attuale situazione politico-istituzionale la CISL Calabria, condividendo le posizioni assunte dalla Confederazione nazionale, esprime grande preoccupazione di fronte agli attacchi, senza precedenti nella storia repubblicana, nei confronti del Presidente della Repubblica impegnato, in queste difficili giornate, a garantire le prerogative costituzionali a tutela delle istituzioni democratiche e della collocazione europea del nostro Paese.

La CISL, come sempre, è schierata a difesa delle istituzioni democratiche e per l’affermazione dei principi di coesione sociale, culturale e politica nel nostro Paese.

Nel valutare positivamente la ripresa del confronto con il Governo Regionale la CISL chiede di dare corso ad un Accordo Quadro regionale sui temi del lavoro, della crescita, del sociale e della legalità. Per questi motivi vanno mobilitate tutte le risorse, comunitarie, ordinarie e regionali, cosi come occorre monitorare lo stato di attuazione del POR e del PSR 2014/2020 convocando al più presto il partenariato economico-sociale.

È altresì urgente accelerare i tempi per l’avvio delle opere programmate nelle infrastrutture, trasporti, Gioia Tauro, dissesto idrogeologico, beni culturali. Sul ciclo idrico integrato per la CISL è arrivato il momento di un confronto stringente sulla nuova Autorità Idrica della Calabria e l’individuazione del soggetto unico gestore.

Sulla Sanità vanno superate urgentemente le emergenze e la fase di commissariamento senza per questo far ritornare il comparto a terra di conquista della politica. È arrivato il momento di garantire concretamente il diritto alla salute ai cittadini calabresi considerando come a nulla siano serviti finora i sacrifici imposti al personale e all’utenza calabrese costretta ad emigrare in altre Regioni per cure e assistenza.

Sul Sociale occorre agire in fretta con provvedimenti mirati sull’inclusione in modo da offrire una rete di salvaguardia e di protezione alle fasce di popolazione, sempre più ampie, che nella nostra Regione vivono in una condizione di crescente disagio. Va posto un freno all’alto tasso di povertà minorile e al grave fenomeno della dispersione scolastica presente in Calabria.

Il contrasto alla disoccupazione, all’inoccupazione e alla povertà assoluta deve essere la priorità di quest’ultimo scorcio di legislatura.

Urge definire al più presto un Piano organico per il Lavoro e l’Occupazione superando le attuali emergenze. In questo senso occorre procedere all’emanazione dei bandi destinati agli Enti Pubblici e ai Privati per la presentazione di percorsi di politiche attive, nelle modalità dei tirocini, a favore dei soggetti provenienti dal bacino dei percettori della mobilità in deroga.

Sul tema della salute e sicurezza dei luoghi di lavoro, con la recrudescenza degli infortuni mortali che si continuano a registrare anche nella nostra Regione, la CISL è fortemente impegnata a contrastare questo grave fenomeno rispetto al quale non basta più la denuncia ma occorre intensificare la mobilitazione affinché vengano messi in campo tutti gli strumenti necessari per ripristinare regole e rispetto della normativa vigente.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.