Ven. Ago 19th, 2022

Pietro Canale, l’imprenditore edile di Reggio Calabria indagato nell’inchiesta ‘Martingala’ condotta dalla Dda reggina, è tornato in libertà dopo la revoca della misura degli arresti domiciliari disposta dal giudice per le indagini preliminari, il quale ha escluso attuali esigenze cautelari. Per Canale, che è difeso dagli avvocati Carlo Morace e Massimo Canale, il giudice di merito aveva escluso il delitto di partecipazione ad associazione per delinquere e di conseguenza la sua azienda non era stata sequestrata. Oggi, a seguito di istanza, è venuto meno anche il sequestro per equivalente sulle quote societarie. “L’impresa di Canale, pertanto – affermano i suoi legali – è liberamente attiva sul mercato e priva di qualunque pregiudizio”. A Pietro Canale erano state contestati originariamente i reati di autoriciclaggio e reimpiego di capitali, senza le finalità mafiose.

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email
CHIUDI
CHIUDI