DA QUEST’ANNO LE FESTE DEI SANTI E DELLE MADONNE NELLA LOCRIDE NEI GIORNI A LORO DEDICATI PER DISPOSIZIONE DELLA DIOCESI DI LOCRI-GERACE.

4699

Ormai siamo entrati nell’estate delle grandi feste religiose nella Locride cominciata con la festa dell’Annunziata a Gioiosa e che si conclude con la festa della Madonna del Rosario a Benestare e che ha i suoi culmini nelle feste della Madonna delle Grazie a Roccella Jonica, in quella della Madonna del Carmine a Marina di Gioiosa Jonica, in quella di San Rocco a Gioiosa Jonica, in quella di Maria S.S. di Portosalvo di Siderno e in quella dei santi Medici Cosma e Damiano a Riace.

Ma da quest’anno c’è una grossa novità, per disposizione del vescovo di Locri-Gerace mons. Francesco Oliva, le feste dei santi e delle madonne si terranno solo e esclusivamente nei giorni a loro dedicati e in cui si ricorda la loro memoria liturgica (o nella prima domenica successiva) per sia per disciplinare le feste religiose nella Locride e sia per non ingolfare più il loro calendario fitto da anni. E così gli effetti di questa disposizione del vescovo sono stati questi. Ecco alcuni….

La processione di San Giuseppe a Roccella Jonica che prima si teneva la prima domenica d’agosto, quest’anno si è tenuta nell’ week-end del 19 marzo, resta confermata la festa civile che si terrà come sempre la prima domenica d’agosto

La festa patronale di San Vittorio a Roccella Jonica che prima si teneva la seconda domenica d’agosto, quest’anno si  terrà il 21 maggio giorno della sua memoria liturgica.

La festa patronale di San Nicola di Bari a Marina di Gioiosa che prima si teneva  l’ultima domenica di luglio, quest’anno si terrà il 6 dicembre giorno a lui dedicato.

La festa compatronale della Madonna del Carmine a Marina di Gioiosa che prima si teneva la prima domenica dopo il 15 agosto, quest’anno si terrà il 16 luglio (giorno a lei dedicato) o la prima domenica dopo il 16 luglio (precisamente il 22 luglio).

La festa di San Rocco a Gioiosa Jonica che prima si teneva l’ultima domenica di agosto, quest’anno si terrà il il 16 agosto (giorno a lui dedicato) o la prima domenica dopo il 16 agosto (precisamente il 19 agosto).

La festa dell’Immacolata a Locri che prima si teneva la prima domenica d’agosto, quest’anno si terrà l’8 dicembre (giorno a lei dedicato).

La festa di San Francesco di Paola a Bovalino che prima si teneva la prima domenica d’agosto, quest’anno si è tenuta il 2 aprile (giorno a lui dedicato).

La festa di San Nicodemo a Mammola non avrà processioni nella prima settimana di settembre, perché la sua processione si è tenuta il 12 marzo (giorno a lui dedicato).

Si salvano dalla direttiva del vescovo le feste della Madonna della Grazie a Roccella Jonica (quest’anno l’8 luglio), quella della Madonna di Portosalvo a Siderno (l’ 8 settembre), quella di Mamma Nostra a Bivongi (quest’anno il 9 settembre) e quella della Madonna delle Grazie a San Giovanni di Gerace (quest’anno il 16 settembre), solo perché non hanno giorni a loro dedicati nell’calendario. E quelle legate a un avvenimento come quella del Braccio di San Cosma a Riace (tenutosi oggi).

Una vera rivoluzione dunque, per dare più senso alla fede ai Santi e alle Madonne, e per dare più disciplina al calendario delle feste religiose nella Locride.

I fedeli accetteranno con favore questa rivoluzione voluta dal vescovo Oliva ?

redazione@telemia.it

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.