Dom. Mag 16th, 2021

Il rapporto tra i cittadini di Siderno e la viabilità del paese è andato via via deteriorandosi da quando questa amministrazione si è insediata al governo della città. Strade ridotte ad un colabrodo, semafori spenti o mal funzionanti, segnaletica inesistente, una fantomatica pista ciclabile che ha, di fatto, compromesso la fluidità della circolazione stradale, una vigilanza del traffico praticamente inesistente ed i famigerati sensi unici, voluti fortemente dall’assessore al ramo Luigi Guttà, hanno trasformato gli spostamenti per le vie cittadine in un continuo percorso ad ostacoli, dove ogni incrocio, ogni strada, anche i fatiscenti marciapiedi sono diventati per automobilisti, ciclisti e pedoni un vero fattore di rischio per l’incolumità personale. In aggiunta allo stato di generale incuria, si sono sommate alcune scelte incomprensibili degli attuali amministratori i quali, anziché trovare una soluzione alle numerose emergenze, hanno voluto imprimere il loro disastroso marchio di fabbrica, prendendo decisioni scellerate che hanno creato solo disagi per i malcapitati abitanti. Stimolati, proprio, dalle continue lamentele di molti residenti ed operatori commerciali e con l’unico obiettivo di trovare le migliori soluzioni possibili a favore dei cittadini, i rappresentanti in consiglio di “Forza Italia” Pietro Sgarlato e Vincenzo De Leo, i consiglieri comunali del “Partito Democratico” Mariateresa Fragomeni, Carlo Fuda, Salvatore Pellegrino e Alessandro  Archinà, Michele Cataldo del “VOLO” e Antonio Sgambelluri del “Partito Comunista” si sono rivolti, informalmente, al Sindaco Pietro Fuda, sollecitando la sua disponibilità a discutere e risolvere alcune gravi criticità. In particolare, fra le tante, la spinosa questione del doppio senso unico imposto, in Via Cesare Battisti, da una volontà incomprensibile dell’attuale amministrazione e che doveva servire, secondo le fantasiose intenzioni dell’Assessore alla Viabilità, a decongestionare, nelle ore di punta, il caotico traffico dell’arteria principale (Corso Garibaldi). Un vero flop che ha provocato solo situazioni di confusione e pericolo per gli automobilisti e le lamentele dei commercianti del luogo, fortemente penalizzati da una decisione che riduce sensibilmente la fruibilità delle loro attività. Nelle ultime ore, proprio l’assessore Guttà, in una nota diffusa dalla stampa, comunicava la volontà di ripristinare l’originario assetto con il doppio senso di circolazione facendo intendere, tra l’altro, che la decisione era dovuta “alle richieste espresse dal gruppo di maggioranza con il quale, tempo fa, su questo punto ha aperto un tavolo di discussione…”.Una dichiarazione intenzionalmente in malafede, che rappresenta il frutto di una attività amministrativa confusa e superficiale testimoniata, oltretutto, dall’Ordinanza Comunale n°13 del 26 Aprile 2018 che stabiliva, per la Via Cesare Battisti, il percorso in un unico senso di marcia,da sud a nord. La verità è che gli attuali amministratori, poche volte hanno tenuto nella dovuta considerazione le esigenze dei cittadini e, in questo caso, solo l’intervento deciso e provvidenziale di tutti i consiglieri di opposizione ha indotto il Sindaco ed il suo stretto collaboratore a rivedere l’ennesima scelta insensata e fare un precipitoso dietrofront. Le dichiarazioni dell’assessore alla viabilità gettano, dunque, l’ennesima ombra sul lavoro di questa amministrazione e lasciano gli scriventi attoniti ed amareggiati. Non sappiamo se si tratta di evidente inadeguatezza, dei cattivi suggerimenti ricevuti dal solito padre padrone o entrambe le cose, sta di fatto che l’assessore ha fatto un autogol così evidente da non poter passare sotto silenzio. A lui, ai suoi colleghi di giunta, ai consiglieri di maggioranza ed al Sindaco suggeriamo, nel prosieguo del loro mandato, di essere molto più accorti e cercare di operare esclusivamente secondo lo spirito di servizio che impone il loro ruolo istituzionale. Troppo spesso, ormai, hanno dimenticato di agire nel primario interesse della collettività e per il progresso ed il benessere del nostro paese.

 

Mariateresa Fragomeni                                                                                                                                                                                                                                  Carlo Fuda                                                                                                                                                                                                                            Salvatore Pellegrino                                                                                                                                                                                                Alessandro Archinà                                                                                                                                                                                                         Vincenzo De Leo                                                                                                                                                                                                               Pietro Sgarlato                                                                                                                                                                                                             Michele Cataldo

Antonio Sgambelluri

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.