Mer. Gen 27th, 2021

Il bilancio è di un morto e tre feriti. In fuga il killer

E’ di un morto e tre feriti il bilancio delle due distinte sparatorie che si sono verificate questo pomeriggio nel Vibonse.

Un uomo sui 30 anni, arrivato a bordo della propria autovettura, imbracciando un fucile da caccia ha dapprima esploso diversi colpi all’indirizzo di un coppia nei pressi di una scuola a Nicotera uccidendo un uomo, Michele Valarioti, 67 anni, ex operaio e ferendo gravemente al torace una donna, Giuseppina Mollese, di 70 anni. Risalito a bordo dell’auto, una Fiat Panda, si è poi diretto verso un bar di Limbadi per compiere un altro agguato, questa volta all’indirizzo di Pantaleone D’Agostino, ex proprietario del locale e Leo Timpano, che in quel momento stavano giocando a carte. Uno di questi è stato ferito all’addome, mentre l’altro è stato gambizzato. L’uomo, si è quindi allontanato a bordo della stessa auto, facendo perdere le sue tracce.

Sui luoghi delle due sparatorie si sono recati i carabinieri del Nucleo investigativo di Vibo e della Compagnia di Tropea, che ora si sono messi sulle tracce dell’autore dei gravissimi fatti di sangue che hanno sconvolto due comunità e una famiglia. Sul posto anche le ambulanze del 118 e l’elisoccorso chiamato a trasportare uno dei feriti all’ospedale di Catanzaro.

Ritrovata auto autore, fuga a piedi

E’ stata trovata nella campagne di Limbadi l’auto, una Fiat Panda, utilizzata dall’uomo che oggi, tra Limbadi e Nicotera, ha ucciso a colpi di fucile un uomo e ferito altre 4 persone. L’individuo è scappato a piedi nelle campagne. Nella zona è in corso una vasta battuta dei carabinieri per rintracciarlo e bloccarlo.

Sparatorie nel vibonese: passato davanti a scuola con fucile
Ha percorso a piedi tragitto tra case vittima e donna ferita

L’uomo che oggi, nel vibonese, ha ucciso una persona e ne ha ferite altre 4, a Nicotera è passato a piedi davanti ad un liceo imbracciando il fucile. L’uomo, infatti, è andato a casa di Giuseppina Mollese, di 69 anni, e le ha sparato un colpo di fucile ferendola gravemente all’addome. Quindi, a piedi, ha percorso circa 200 metri, passando davanti alla scuola, ed è andato a casa di Michele Valarioti, di 63 anni, uccidendolo. A Limbadi, invece, l’omicida ha sparato in un bar contro tre persone, Pantaleone D’Agostino, Pantaleone Timpano e Francesco di Mundo. Uno dei tre sarebbe ferito gravemente al volto.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.