ROCCELLA JONICA: A POCHI MESI DAL VOTO SI PROFILANO TRE COALIZIONI. MA I NOMI DEI CANDIDATI A SINDACO SAREBBERO DUE.

2555

A meno di un anno dal voto amministrativo, a Roccella la politica riscalda i motori, e si riprende a pieno la scena. La maggioranza guidata da Giuseppe Certomà fondamentalmente tace, se non per rinsaldare le fila della base civica del movimento”Roccella prima di tutto” fondato dal compianto senatore Sisinio Zito . Si registra la presenza di nuovi giovani ingressi, parliamo tra gli altri dell’imprenditore Donato Toscano. Anche se ancora nulla è deciso, per le prossime elezioni si profila, sempre più in pole position, la candidatura a primo cittadino dell’attuale vice-sindaco Vittorio Zito. Su Zito convergerebbero molti si che potrebbero portare ad un eventuale, e forse necessario, allargamento della coalizione. A lanciare il primo sassolino è stato lo stesso leader dell’attuale opposizione Mimmo Circosta, che ha aperto ad una alleanza tra il movimento “Roccella Bene Comune” con l’attuale maggioranza, a condizione che si presenti una squadra “autorevole e ben rappresentata, la migliore che Roccella possa esprimere”. Sempre dagli studi di Telemia a confermare tale ipotesi sono stati lo stesso Walter Melcore e Nicola Iervasi, che hanno confermato di non avere preclusioni a future alleanze anche con l’attuale maggiornaza. Dunque si allungano le distanze con l’altra coalizione nascente, quella con a capo Gabriele Alvaro, ex assessore della giunta Zito, che dopo la rottura con l’attuale compagine amministrativa, si era collocato all’opposizione. Con Alvaro, che dovrebbe essere il futuro avversario di Zito, si collocano pedine importati della scena politica roccellese, come l’ex parlamentare Domenico Bova, l’attuale consigliera di opposizione Vanessa Reitano, Alfredo Cappelleri, Giuseppe Bruzzese, Domenico Bombardieri ed altri che ancora non hanno palesato la propria adesione. Dunque potrebbe essere una sfida a tre, ma anche a due se “Roccella Bene comune” deciderà, come sembra, di allearsi all’insegna di un “percorso condiviso”.

Giuseppe Mazzaferro |  direzione@telemia.it

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.