Mar. Gen 19th, 2021

I reggini falliscono la qualificazione alle semifinali perdendo lo “spareggio” con Aversa dopo un incredibile tie-break (18-16).

Che peccato! Delusione cocente per una commovente Jolly che, in due ore e mezza di battaglia, è andata davvero ad un passo dalla storia. Nel quino e decisivo set, i “ragazzi terribili di mister Polimeni, sul 14-13, hanno avuto la palla per scrivere a storia. Ha vinto Aversa, applausi ai vincitori, ma la Jolly Cinquefrondi esce a testa altissima dai playoff promozione, dopo aver giocato una grandissima pallavolo.

Alla fine, nonostante tante lacrime in campo e sugli spalti, lo splendido pubblico cinquefrondese ha riservato una meritatissima standing ovation  a Laganà e compagni. E’ stato un match al cardiopalmo che h messo a dura prova (deboli di cuore, Interminabile il primo set, durato ben 41’ Grande equilibrio tra due compagini che si  sono equivalse. Partono meglio gli ospiti (6-9, 12-15), con Bonetti e Testagrossa, ben serviti da Illuzzi, in gran spolvero. Ma è in battuta che la Jolly mette in difficoltà gli avversari, soprattutto con Dal’Agnol. Sul 21-19, esplode il PalaBonini, la Jolly sembra sicura di sé. Ma, sul 23 pari, inizia un’altra partita, con i due sestetti a darsi battaglia, punto a punto. Entrambi sprecano numerose palle set. Scambi lunghi e combattuti. Emozione forti al PalaBonini. In due occasioni, decisioni arbitrali dubbie, mandano su tutte le furie mister Polimeni. Sul 32-32, Aversa, d’esperienza, piazza il break decisivo (32-34). Nel secondo set è veemente la reazione dei biancocelesti di casa, che, sotto la sapiente regia di Bellucci, surclassano sotto rete gli avversari Laganà, Limberger e Dall’Agnol, non sbagliano un colpo, la ricezione tiene ed in battuta non si sbaglia mai Secondo set tutto di marca Jolly: 11-9, 16-10, 22-18, 25-22. Sulle ali dell’entusiasmo, trascinati da un tifo infernale. Chillemi e compagni continuano a macinare punti anche nel terzo parziale ed il muro della Jolly, con Nardi ed Aprile, fa la differenza. Un ace di Limberger (23-17) fa esplodere il PalaBonini. La Jolly vince il se 25-19 e ribalta, in rimonta il risultato. Aversa sembra a corto di ossigeno e i tifosi della Jolly sognano la semifinale contro Ferrara. Nel quarto set, sul 13-13, la Jolly, grazie anche alla bravura degli avversari crolla. Gli ospiti d’autorità e d’esperienza, scappano via 13-15, 17-20, 18-23, 19-25. Nello stupore generale, si va al quinto. Nel tie-break decisivo, grazie al muro, Jolly avanti 8-7 al cambio di campo. Sull’ 11-9, Aversa chiama timeout, mentre gli ultras locali ballano dalla gioia. Alla ripresa del gioco, la musica cambia però. Sono Bonetti e Vetrano a salire in cattedra. Sul 13-13, Laganà fa esplodere il PalaBonini, e la Jolly, sul 14-13, ha la palla per scrivere la storia.  Ma ci pensa Vetriano prima con un primo tempo alto e poi con un muro spettacolare, a gelare il PalaBonini. La Jolly grazie a Limberger, non molla e ritorna a sperare. Aversa spreca due match-ball, ma al terzo tentativo, grazie ancora al muro, vince 16-18

ATTILO SERGIO (Gazzetta del sud)

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.