Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Ucciso da bomba auto: madre della vittima denuncia ministero

631

Iniziativa della donna per mancata attivazione servizio scorta

Una denuncia contro la Prefettura di Vibo, il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica di Vibo e il Ministero dell’interno è stata presentata da Rosaria Scarpulla, madre di Matteo Vinci, il 42enne ucciso a Limbadi il 9 aprile scorso a causa di una bomba collocata sotto la sua automobile. A presentare la denuncia é stato il legale della donna, l’avvocato Giuseppe De Pace. Oggetto dell’esposto la mancata attivazione del servizio di scorta a tutela della donna che viene ritenuta, dal suo legale, “in imminente, concreto ed attuale pericolo di vita, vista la determinazione con la quale Rosaria Scarpulla, già nell’immediatezza del grave fatto di sangue, aveva pubblicamente denunciato le vessazioni e i soprusi subiti da parte della famiglia Grillo-Mancuso, i cui esponenti sono stati da lei indicati come presunti responsabili dell’uccisione del figlio e del grave ferimento del marito, coinvolto nello stesso attentato”. Nell’esposto si chiede di “valutare la fondatezza dei profili di illiceità penale, al fine di procedere nei confronti del prefetto di Vibo Valentia, Guido Longo, del Ministro dell’Interno Marco Minniti e di tutti i soggetti che compongono la catena di comando che fa capo al Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica in ordine allo stato di pericolo concreto vissuto da Rosaria Scarpulla”.

Prefettura Vibo, immediata tutela madre

“Si ribadisce che nei confronti della signora Rosaria Scarpulla sono state immediatamente adottate le misure tutorie ritenute congrue dal Comitato per l’Ordine e la Sicurezza pubblica, presieduto dal Prefetto”. Lo riferisce un comunicato della Prefettura di Vibo Valentia in relazione alla denuncia presentata dalla madre di Matteo Celi, ucciso con una bomba collocata sotto la sua automobile. “Si evidenzia – aggiunge la Prefettura – che al Ministro dell’Interno non compete l’adozione delle misure tutorie che vengono disposte in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza pubblica. Si continua a seguire con particolare attenzione gli sviluppi della vicenda”.

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.