Gio. Mag 13th, 2021

La situazione del Siderno a poco meno di un mese della necessaria iscrizione della squadra al campionato di Eccellenza è ancora in alto mare. Dopo la decisione dei responsabili della società di consegnare la “squadra” nelle mani del sindaco, e quindi, dell’amministrazione comunale per cercare di dare una soluzione positiva anche alla crisi economica che si accompagna all’attuale situazione con la speranza che le dimissioni in massa dei vertici societari aprissero la strada all’ingresso di nuovi possibili soci , di nuovo, ad una ventina di giorni da quella data, c’è stato molto poco fatto salvo un contatto con il presidente Raffaele Salerno dell’assessore comunale al bilancio Gianni Lanzafame e del delegato allo sport Gianluca Leonardo. Un incontro strettamente informale finalizzato solo a programmare un incontro ufficiale che dovrebbe aver luogo entro questa settimana ma dal quale sarà difficile emergano grosse decisioni. L’amministrazione comunale non è certo in condizione di gestire il sodalizio sportivo e potrebbe dare solo qualche input finalizzato a stimolare i soci dimissionari a non mollare e/o a suggerire qualche possibile nuovo ingresso imprenditoriale ( ma la crisi economica esistente lascia poche speranze ndr) nella società. Ad ogni buon conto è giusto che il tentativo si faccia e si vedrà, nel corso della settimana, quali saranno i risultati dell’incontro. La precarietà dell’attuale situazione ha, di fatto, bloccato, dal punto di vista sportivo, ogni movimento in entrata e in uscita. I giocatori sono in stand by al pari dello stesso allenatore Francesco Galati che gli ex dirigenti avrebbero voluto riconfermare per avere un preciso punto di riferimento per l’allestimento della nuova squadra. Il presidente dimissionario Raffaele Salerno è sfiduciato ” Abbiamo preso la delicata decisione di dimetterci – ha detto – per aprire la strada all’ingresso di nuovi soci ma, ad oggi, non si è fatto vivo nessuno anche se abbiamo chiarito che la società è “sana” dando la nostra disponibilità a ripianare ogni eventuale debito. A questo punto è difficile prevedere quello che succederà. Vedremo, intanto, che cosa verrà fuori da questo incontro con i responsabili dell’amministrazione comunale. Per quanto ci riguarda, sia io che gli altri responsabili dell’esecutivo, siamo aperti ad ogni possibilità che aiuti la nostra squadra a fare un campionato dignitoso. Ma piu’ di tanto non possiamo fare e il Siderno, che vanta tradizioni di prestigio, non è squadra che si deve accontentare di barcamenarsi solo nella lotta per la salvezza. Con i giusti aiuti si può dar vita ad una compagine competitiva e, in questa direzione, va il nostro appello a coloro che, in città, amano il calcio”. Il discorso di Salerno è chiaro. Se arrivano forze fresche che diano qualche ulteriore contributo economico e se l’amministrazione comunale si impegna a supportare maggiormente la società ci potrebbero essere le premesse per allestire una squadra d’avanguardia capace di lottare, come lo scorso anno, per i primi posti. Se ciò, invece, non si verificherà i soci dimissionari probabilmente faranno l’ulteriore sforzo di iscrivere la squadra al campionato ma i tifosi dovranno accontentarsi di avere una compagine allestita con le minore spese possibili e, quindi, certamente non in grado di svolgere al meglio un campionato difficile com’è questo di Eccellenza. Vedremo.

ARISTIDE BAVA

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.