ELEZIONI COMUNALI 2018: DOMANI SI VOTA IN 11 COMUNI DELLA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

1259

COMUNICATO STAMPA

ELEZIONI COMUNALI DI DOMENICA 10 GIUGNO 2018

 

Quando si vota

Domenica 10 giugno 2018, dalle ore 7.00 alle ore 23.00, si svolgeranno le operazioni di voto per l’elezione diretta del Sindaco e per il rinnovo del Consiglio comunale di Candidoni, Condofuri, Cosoleto, Fiumara, Gioiosa Ionica, Locri, San Pietro di Caridà, San Procopio, Santa Cristina d’Aspromonte, Seminara e Serrata.

L’eventuale turno di ballottaggio, per la elezione dei Sindaci non proclamati eletti a seguito del primo turno di votazione, è previsto per domenica 24 giugno 2018.

Le operazioni di scrutinio

Le operazioni di scrutinio avranno inizio a partire dalle ore 23.00 di domenica 10 giugno, subito dopo la conclusione delle operazioni di voto e l’accertamento del numero dei votanti.

 

Come si vota

La scheda reca, all’interno di appositi rettangoli, i nomi e cognomi dei candidati alla carica di sindaco, a fianco dei quali sono riportati i contrassegni della lista con cui il candidato è collegato.

L’elettore, con la matita copiativa, potrà esprimere il proprio voto:

  • tracciando un segno di voto solo sul nominativo di un candidato alla carica di sindaco; in questo caso il voto è valido sia per il candidato alla carica di sindaco, sia per la lista ad esso collegata;
  • tracciando un segno di voto sia sul contrassegno di lista, sia sul nominativo del candidato alla carica di sindaco collegato alla lista votata; anche in questo caso il voto è valido sia per il candidato alla carica di sindaco, sia per la lista ad esso collegata;
  • tracciando un segno di voto solo sul contrassegno di lista; il voto è ugualmente valido sia per la lista votata, sia per il candidato alla carica di sindaco ad essa collegato;
  • manifestando il voto di preferenza per candidati alla carica di consigliere comunale; l’elettore infatti può scrivere il nominativo (solo il cognome o, in caso di omonimia, il cognome e nome e, ove occorra, data e luogo di nascita) nelle righe stampate sotto il contrassegno della lista di appartenenza dei candidati votati, anche senza segnare il contrassegno della lista stessa; in tal caso il voto è valido sia per i candidati consiglieri votati, sia per la lista cui appartengono i candidati votati, sia per il candidato alla carica di sindaco ad essa collegato.

 

E’ importante evidenziare che:

–  le preferenze devono essere manifestate, esclusivamente, per candidati compresi nella lista votata;

–   nei Comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti ogni elettore può manifestare un solo voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere comunale;

–   nei Comuni con popolazione compresa tra 5.000 e 15.000 abitanti ogni elettore può manifestare non più di due voti di preferenza per candidati alla carica di consigliere comunale; nel caso di espressione di due preferenze, queste devono riguardare candidati di sesso diverso, a pena di annullamento della seconda preferenza.

 

Nei Comuni con popolazione sino a 15.000 abitanti si procede al turno di ballottaggio per l’elezione del Sindaco solo in caso di parità di voti fra i due candidati alla carica di sindaco che hanno ottenuto il maggior numero di voti.

 

E’ possibile consultare le predette modalità di voto per le elezioni comunali sul sito istituzionale del Ministero dell’Interno www.interno.gov.it.

 

 

Corpo elettorale

Le elezioni amministrative negli 11 Comuni della Provincia interesseranno complessivamente 32.858 elettori, di cui 15.867 di sesso maschile e 16.991 di sesso femminile; le sezioni elettorali istituite in complesso saranno 47.

Numero degli elettori e delle sezioni in dettaglio per Comune:

Maschi Femmine  Totale         Sez.

Candidoni                                                    335          322          657              1

Condofuri                                                 2.096        2.208       4.304              7

Cosoleto                                                       582          595       1.177              3

Fiumara                                                       693          658       1.351              2

Gioiosa Ionica                                           3.376        3.672       7.048              7

Locri                                                         4.807        5.432    10.239            14

San Pietro di Caridà                                     837          857       1.694              4

San Procopio                                                 383          382          765              1

Santa Cristina d’Aspromonte                      654          655       1.309              2

Seminara                                                  1.474        1.600       3.074              5

Serrata                                                          630         610        1.240             1

 

 

 

Tessera elettorale

Si ricorda che gli elettori, per poter esercitare il diritto di voto presso gli uffici elettorali di sezione nelle cui liste risultano iscritti, dovranno esibire, oltre ad un documento di riconoscimento valido, la tessera elettorale personale a carattere permanente.

Al fine di agevolare il rilascio delle tessere elettorali non consegnate o dei duplicati, gli uffici comunali, saranno aperti anche venerdì 8 e sabato 9 giugno, dalle ore 9 alle ore 18, e domenica 10 giugno per tutta la durata delle operazioni di voto (dalle ore 7 alle ore 23).

Gli elettori sono invitati a verificare sin d’ora il possesso della tessera elettorale e che sulla stessa non siano esauriti gli spazi destinati all’apposizione del bollo della sezione per la certificazione del voto; ciò al fine di richiedere, ove necessario, il rilascio del duplicato al più presto, evitando di concentrare tali richieste nel giorno della votazione.

 

Divieto di introdurre all’interno delle cabine elettorali telefoni cellulari o altre apparecchiature in grado di fotografare o registrare immagini

Si rammenta che, per assicurare la libertà e segretezza della espressione del voto nelle consultazioni elettorali, il decreto-legge 1° aprile 2008, n. 49, convertito, senza modificazioni, dalla legge 30 maggio 2008, n. 96, all’art. 1, comma 1, ha fatto divieto di introdurre all’interno delle cabine elettorali “telefoni cellulari o altre apparecchiature in grado di fotografare o registrare immagini”.

Pertanto, l’elettore all’atto della presentazione del documento di identificazione e della tessera elettorale dovrà consegnare al Presidente del seggio le anzidette apparecchiature delle quali sia in possesso; tali apparecchiature saranno restituite all’elettore, unitamente al documento di identificazione e alla tessera elettorale, dopo l’espressione del voto.

Per gli eventuali contravventori al divieto è prevista la sanzione dell’arresto da tre a sei mesi e dell’ammenda da 300 a 1.000 euro (art. 1, comma 4, D.L. citato).

All’interno del seggio sarà affisso un apposito avviso del seguente tenore:

“Non si possono introdurre all’interno delle cabine elettorali telefoni cellulari o altre apparecchiature in grado di fotografare o registrare immagini.

Chiunque contravviene a questo divieto è punito con l’arresto da tre a sei mesi e con l’ammenda da 300 a 1.000 euro, ai sensi dell’articolo 1, comma 4, del decreto-legge 1° aprile 2008, n. 49, convertito dalla legge 30 maggio 2008, n. 96”.

Il rispetto di tale divieto è stato richiamato all’attenzione dei presidenti di seggio, per il tramite dei Sindaci e Commissari Straordinari, con circolare prefettizia n. 69/2018 del 4 giugno 2018.

 

Affluenza alle urne e risultati elezioni

I dati sull’affluenza degli elettori alle urne delle ore 12, 19 e 23 e sui risultati degli scrutini saranno consultabili in tempo reale sul portale Eligendo del Ministero dell’Interno e sul sito internet della Prefettura.

 

Data

Il Capo di Gabinetto

(Adorno)

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.