Mer. Mag 12th, 2021

“Chi rappresenta lo Stato non deve stare chiuso nel palazzo, ma andare dove lo Stato deve far sentire la sua presenza, stare sul campo dove le situazioni sono difficili: per questo lunedì sarò nella tendopoli di San Ferdinando in Calabria”. Lo scrive su facebook il presidente della Camera Roberto Fico.
“Le istituzioni non possono esimersi dall’andare dove ci sono le situazioni più critiche, dove i più deboli sono costretti in condizioni di vita e di lavoro problematiche. Come accade proprio nella piana di Gioia Tauro dove migliaia di braccianti agricoli lavorano in condizioni di sfruttamento e il fenomeno del caporalato è diffuso. Proprio a San Ferdinando – ricorda Fico – viveva anche Soumayla Sacko, il ragazzo maliano barbaramente ucciso nei giorni scorsi con un colpo di fucile alla testa. Solo andando in prima persona a vedere e ascoltare da vicino, si possono comprendere davvero le situazioni, capire le difficoltà fino in fondo, per poi cercare le soluzioni per risolvere i problemi. Anche per questo ho deciso di incontrare oggi alla Camera una delegazione dell’Unione sindacale di base, guidata da Aboubakar Soumahoro che si è occupato della situazione dei lavoratori in particolare nell’area di Rosarno e Gioia Tauro, con cui ho parlato proprio di caporalato e diritti negati ai lavoratori. Lo stesso Soumayla Sacko era un sindacalista dell’Usb a San Ferdinando”.
“Lunedì – aggiunge Fico – visiterò la tendopoli, salutando gli amici di Soumayla cui esprimerò la mia vicinanza. Sarà anche un modo per fare le condoglianze – a distanza – alla sua famiglia che vive in Mali e non lo rivedrà più. Allo stesso tempo incontrerò le autorità locali, perché devono sapere che non sono sole a fronteggiare una situazione terribilmente complicata che deve avere tutta la nostra attenzione”.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.