Quale futuro per l’ASD Città di Siderno 1911. La squadra è stata consegnata al Comune ma ad oggi non si ha nessuna risposta

1179

Nei giorni scorsi, l’ASD Città di Siderno 1911, dopo averlo anticipato con una apposita nota stampa, ha ufficialmente consegnato il titolo sportivo della squadra che partecipa al massimo campionato regionale di calcio (Eccellenza) al Sindaco, Ing. Pietro Fuda.  Il tutto è avvenuto dopo che nella sede sociale della società si era tenuta  l’assemblea generale dei soci. Al termine della stessa, come si ricorderà, tutti i soci si sono dimessi  dalla carica  considerando  terminato il loro mandato e azzerando  tutte le cariche sociali. Nella nota stampa si specificavano altresi anche i motivi che avevano indotto i dirigenti a compiere questo passo: poca affluenza allo stadio, campagna abbonamenti blanda, il totale disinteresse e distacco di istituzioni cittadine che mai hanno tenuto in considerazione né l’importanza sociale del calcio, né che questa compagine societaria era composta da sidernesi animati da autentica passione, disposti a fare calcio sia senza secondi fini e sia per portare alto il nome di Siderno in altrettanto città blasonate della Calabria. A cio si deve aggiungere la crescente difficoltà di reperire sponsor di un certo livello, oppure, imprenditori, professionisti o semplici commercianti che dessero il loro sostegno nei limiti delle proprie possibilità. Non potendo essere fatta con serietà e trasparenza nessuna programmazione futura senza una base societaria solida e numerosa, i soci hanno cosi deciso, riteniamo giustamente, di consegnare la squadra  al Sindaco, essendo la stessa patrimonio ed espressione di tutta la città, in maniera tale che chiunque avesse a cuore le sorti della compagine calcistica cittadina  potesse rivolgersi a lui per poterla rilevare. Ovviamente,  i soci dimissionari avevano fatto  sapere che avrebbero provveduto  anche a  ripianare tutti gli eventuali  debiti pregressi .  Da sempre la dirigenza del Siderno calcio sostiene che la squadra, prima di essere proprietà di un gruppo, è patrimonio di un’intera comunità, che attraverso il calcio sogna di poter crescere e di ambire a vette sempre più alte.  Ad oggi  (per come ci è stato comunicato) dalla casa comunale non è arrivato nessun segnale. Manca appena un mese per formalizzare l’iscrizione al nuovo campionato. Continua dunque la totale assenza della politica locale, nessun amministratore ha dimostrato di credere nel progetto calcio a Siderno  e soprattutto nel  valore autentico dello sport. Le speranze bianco-azzurre spesso si infrangono contro un tessuto economico refrattario al sostegno di iniziative che riguardano la città. È chiaro che questa situazione non permette di programmare la nuova stagione. Questa dirigenza, con grande dignità, palesando alla città e ai tifosi i motivi dell’eclatante gesto, ha deciso di gettare la spugna, mettendo così la squadra nelle mani della stessa città e dei suoi amministratori che però, almeno sino al momento, stanno tergiversando essendo evidentemente più interessati all’organizzazione della “sguta sidernese”  oppuramente alle gustose “”polpette” che vengono servite calde in alcuni ristorantini tipici della città .

Antonio Tassone

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.