Ven. Mag 7th, 2021

“Metaforicamente si potrebbe dire che i responsabili del servizio del dipartimento Agricoltura regionale evidentemente preferiscono che le aziende agricole vadano a ‘trazione animale’ piuttosto che assegnare il gasolio agricolo per i lavori in azienda”. Lo afferma Pietro Molinaro, presidente di Coldiretti Calabria, che, è scritto in una nota, “ancora una volta è costretto ad evidenziare criticità e complessità non risolte dopo 20 mesi dalla deliberazione della Giunta Regionale adottata per ‘riordinare le attività di gestione e assegnazione del gasolio agricolo’, riscontrate già al primo anno di applicazione”. “Infatti – prosegue – si riscontrano duplicazioni di adempimenti procedurali e sovrapposizioni delle funzioni amministrative delegate, tempi di attesa intollerabili, disagi ed errori del sistema specie nel periodo cruciale dei lavori Anche quella della semplificazione delle procedure, declinata nella DGR si preferisce che rimanga una incompiuta. Infatti rimangono inattuate le funzioni che consentono agli agricoltori di delegare al Caa tutti gli adempimenti necessari, introducendo nuovi obblighi per gli agricoltori in netto contrasto con la normativa nazionale oltre che con la DGR, con procedure gestionali non omogenee nei diversi uffici agricoli della regione. Insomma si sta facendo il contrario di quanto disposto dalla Giunta Regionale”.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.