2 Dicembre 2020

È da 4 giorni che Roccella attraversa la più grossa crisi idrica della sua storia.  È importante in questi casi comunicare tutto ai cittadini senza omettere nulla ed in particolare tenerli aggiornati su come la situazione si evolve. Siamo stati i primi ad evidenziare quali fossero i problemi che hanno cagionato il semi collasso del serbatoio comunale di Contrada Serrone,  ora però bisogna spiegare bene come si stia evolvendo la situazione.  Come abbiamo raccontato,  tutto ha avuto origine da un controllo la parte dei tecnici della Sorical al serbatoio comunale,  in occasione di un prelievo,  si sono accorti che il livello dell’acqua era molto basso. La cosa ha messo in evidenza come ci fosse nella rete comunale un assorbimento anomalo,  problema che è stato solo parzialmente risolto dai tecnici della Jonica Multiservizi che sono prontamente intervenuti. A quel punto si pensava che l’emergenza fosse rientrata ma ci si è resi conto che la Sorical non stava erogando i 65 litri al secondo che rappresentano il fabbisogno della rete idrica roccellese.  Solo ieri i tecnici nella società che gestisce le risorse idriche calabresi  , intervenendo nella stazione Allaro sulle pompe,  è riuscita ad addurre al serbatoio roccellese 67 litri al secondo,   cosa che però non è bastata per far raggiungere al serbatoio i livelli utili che garantiscano una regolare erogazione idrica nella rete comunale. Ora il problema rimane l’individuazione del punto dove c’è l’assorbimento anomalo che sta mettendo in crisi l’intera rete comunale. Nel vertice che in queste ore si sta tenendo nella sede municipale,  la cosiddetta Task Force composta dai responsabili del comune di Roccella, di quelli della Jonica Multiservizi e della Sorical, si è stabilito di operare con un intervento straordinario che consentirà di esplorare l’intera rete comunale senza interrompere  l’erogazione dell’acqua.  Il gruppo di lavoro sta seguendo l’evolversi della crisi idrica in atto. La Jonica Multiservizi sta monitorando costantemente il flusso in uscita che continua a  registrare picchi di consumo in parte anomali. La verifiche effettuate stamattina hanno escluso in via immediata la presenza di perdite nella rete. I tecnici ,  in queste ore,  stanno operando tutte le manovre più utili a garantire a tutti gli utenti l’erogazione dell’acqua per più tempo possibile. Ora si chiede alla popolazione di ridurre piu possibile i consumi ed evitate sprechi di acqua.  Sono state chiuse tutte le fontane pubbliche e bloccate alcune postazioni doccia situate in spiaggia.  È impossibile stabilire tempi certi,  il problema potrebbe essere risolto già nelle prossime ore,  come potrebbe protrarsi per altri giorni.  Una cosa è certa gli addetti stanno lavorando senza tregua.

Giuseppe Mazzaferro | redazione@telemia.it

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.