Sab. Mag 8th, 2021

I Finanzieri della Compagnia di Castrovillari hanno scoperto una ditta
individuale sconosciuta al fisco, attiva nel settore del commercio
all’ingrosso di carburanti per autotrazione che dal 2015 operava senza
dichiarare all’Erario i propri redditi, risultando quindi evasore totale.
Nell’ambito di indagini di Polizia Giudiziaria, disposte da questa Procura
della Repubblica, diretta dal Procuratore dr. Eugenio Facciolla che
avevano fatto emergere un traffico illecito di carburante – per lo più agricolo –
i militari della Guardia di Finanza hanno individuato e circoscritto un vero e
proprio sistema di frode che originava dall’acquisto del carburante agricolo da
parte del titolare della ditta mediante l’utilizzo e l’esibizione di false
autorizzazioni – intestate a terzi soggetti ignari – rilasciate da Agenzie delle
Dogane e dei Monopoli dislocate sul territorio nazionale.
Il carburante così approvvigionato veniva poi solo documentalmente,
destinato a distributori che, di fatto, non ricevevano il prodotto, né,
tantomeno, lo avevano mai ordinato.
In realtà, invece, il titolare della ditta ritirava il gasolio agricolo per poi
rivenderlo ad un prezzo maggiore rispetto a quello di mercato a terzi soggetti
e/o imprese che nulla avevano a che vedere con l’attività agricola e che lo
utilizzavano per autotrazione, in evasione dell’imposta di fabbricazione e
consumo (c.d. accisa).
All’esito delle indagini coordinate dal Pubblico Ministero dr. Antonino
Iannotta, il titolare della ditta è stato denunciato per contrabbando di
prodotti petroliferi ed ora rischia la pena della reclusione da uno a cinque
anni.
Procura della Repubblica 87012 Castrovillari (CS), Via Francesco Muraca 3
Castrovillari Telefono 0981486411 – Fax 098126441
Concluse le indagini di polizia giudiziaria, i Finanzieri hanno avviato una
verifica fiscale nei confronti della ditta individuale scoprendo che nel corso
degli anni il titolare non aveva mai presentato dichiarazioni fiscali, né
tantomeno pagato imposte.
E’ stato così ricostruito l’intero volume d’affari in particolare attraverso
“controlli incrociati” effettuati presso le ditte fornitrici ed accertamenti bancari.
A conclusione delle attività è stata rilevata la mancata dichiarazione di
ricavi per circa 11 milioni di euro, evasione delle imposte sui redditi per
circa 5 milioni di euro, e di accisa per altri 5 milioni di euro ed IVA per
ulteriori 2 milioni di euro.
Al termine dell’attività ispettiva, il titolare della ditta, originario del Comune di
Altomonte, è stato ulteriormente deferito all’Autorità Giudiziaria per i seguenti
reati: “Occultamento o distruzione di documenti contabili” (art. 10 D.lgs. 10
marzo 2000, n. 74), “Omessa dichiarazione annuale ai fini dell’IVA” (art. 5
D.lgs. 10 marzo 2000, n. 74), e “falsità materiale ” (art. 482 C.P.).
Prosegue l’attività di questa Procura della Repubblica e della Guardia di
Finanza cosentina, sempre più attive a tutela anche del mercato dei beni e
dei servizi che, “inquinati” da frodi perpetrate con comportamenti fraudolenti,
vedono intaccare la regolare concorrenza tra imprese oneste, a vantaggio,
così, di operatori disonesti e, nella maggior parte dei casi, sconosciuti al fisco
(c.d. evasori totali)

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.