Lun. Gen 25th, 2021

Dopo la conferma del trainer Domenico Giampà e l’iscrizione, fatta entro i termni con allegata tutta la documentazione richiesta dalla Lega, al campionato di serie D, il Roccella del presidente Maurizio Misiti si appresta a gettare le basi in vista del suo quinto massimo campionato dilettantistico nazionale. Se da un lato, comunque, la conferma dell’allenatore Giampà e l’avvenuta iscrizione al campionato costituiscono più di un buon inizio di nuova stagione calcistica, dal lato economico e societario, invece, c’è ancora parecchio lavoro da fare per rendere decisamente più rosea e traquilla la situazione (servono, come il pane più risorse economiche e sponsor e, soprattutto, più soci in grado di garantire al team mesi tranquilli sotto tutti gli aspetti fino al termine del campionato).
Stessa condizione tutt’altro che fluida e di positiva prospettiva (ma di questo ci sarà tempo per dedicare più in là, con descrizione di particolari, un capitolo a parte) la si sta al momento registrando nel comparto del settore giovanile amaranto che servirebbe per alimentare il gruppo e che potrebbe essere in futuro un buon bacino di calciatoii locali.
Tornando, quindi, al discorso della “prima squadra” che per ovvie ragioni rappresenta, al momeno, la massima priorità in vista dell’inizio della preparazone precampionato fissata dall’allenatore Giampà per il 23 lugliio prossimo, c’è da evidenziare che la permanenza a Roccella del tecnico catanzarese garantirà al club ancora la presenza di diversi protagonisti della passata stagione conclusa con la salvezza. Tra i più che possbili riconfermati, quindi, salvo dietrofront dell’ultim’ora, troveranno anche per quest’anno spazio il portiere Scuffiia, il difensore Cordova, gli esterni Malerba, Pagano e Faello, il centrocampista Voltasio e gli “under” Reka, Filippone, Tassone, Riitano.
Da qui, inoltre, alla fne di luglio, seguendo le richieste di mister Giampà, il Roccella cercherà di rimpolpare e rinforzare i tre reparti. Un’altra certezza potrebbe essere la ricoferma del direttore sportivo Enzo Federico, al quale, appunto, la società ha chiesto di restare e continuare a mettere al servizio del club la sua esperienza sportiva e calcistica. Una figura che rappresenterebbe un’altra solida base da cui ripartire per cercare anche se serviranno pedine imporanti in questo campionato molto combattuto.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.