Gio. Mag 6th, 2021

Ucciso per un traffico di droga gestito dagli uomini della ‘ndrangheta operativi nel Milanese. Sarebbe questa la motivazione alla base dell’uccisione e dell’occultamento del cadavere di un uomo, Antonio Deiana 36enne scomparso il 20 luglio del 2012. Per quell’omicidio la polizia di Stato ha arrestato Luca Sanfilippo, ,47enne residente a Cinisello Balsamo al confine con Milano, accusato di essere appunto l’autore dell’assassinio. L’uomo avrebbe fatto alcune ammissioni che hanno permesso agli inquirenti di ricostruire quel delitto.
L’ attività investigativa condotta dai poliziotti della squadra mobile di Como e Milano, nonché del Commissariato Greco Turro, è stata coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Monza. Il caso è stato anticipato da articoli sul Corriere della Sera e su Il Giorno.
Secondo la loro ricostruzione il corpo di Deiana è stato trovato all’interno di una cantina di uno stabile a Cinisello ricoperto da una colata di cemento. Sarebbe stato ucciso per motivi di droga nell’ambito di un traffico della ‘ndrangheta. Il fratello, Salvatore Deiana, era stato ucciso a coltellate e sepolto in un bosco a Guanzate (Como) da uomini della ‘ndrangheta e trovato dopo la confessione di uno dei killer.

www.corrieredellacalabria.it

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.