Locride (Rc): i turisti scelgono i conventi. A Caulonia l’Eremo di Sant’Ilarione

954

Cresce sempre di più tra gli italiani il desiderio di voler trascorre le proprie vacanze estive in compagna del silenzio e della meditazione, lontani dallo stress e dalla routine che scandisce prepotentemente il ritmo delle giornate. Si scappa dal frastuono per una full immersion in luoghi dall’equiparabile bellezza, in veri e propri paradisi naturali che garantiscono la tranquillità alla mente e all’anima. Tanti i vacanzieri che in questa calda stagione estiva 2018 scelgono di trascorrere i loro periodi di relax all’interno di monasteri, conventi, eremi, abbazie e santuari, un tempo deputati all’isolamento e alla ricerca spirituale, oggi sempre più propensi ad aprire le loro porte agli ospiti. “Quest’estate saranno oltre 1.600 le strutture religiose italiane in cui i turisti potranno trascorrere le loro vacanze, alla ricerca di un clima di serenità e con la giusta attenzione sua al corpo che allo spirito”, spiega Fabio Rocchi, presidente dell’Associazione Ospitalità Religiosa Italiana. Per i 123.000 posti letto disponibili “non vige l’obbligo della partecipazione alla vita comunitaria di frati o suore, ma l’indubbia particolarità di questi luoghi darà la possibilità anche al semplice turista di sperimentare, se lo vorrà, un approccio ambientale di certo diverso dalla classica vacanza commerciale”. In Calabria, nella nostra provincia jonica, viene segnalato l’Eremo di Sant’Ilarione a Caulonia, il cui ultimo ampliamento risale al 1725. Dal 2003 è stato reso agibile agli ospiti ed è guidato dall’eremita diocesano francese Frédéric. Per qualsiasi informazione il link dell’Eremo  (foto tratta dal sito)
Notizia tratta da: calabriapost

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.