Gio. Gen 21st, 2021

I tecnici della Jonica Multiservizi coadiuvati da professionisti di una ditta specializzata sono a lavoro da questa notte,  stanno esplorando con un rilevatore di perdite tutta la rete idrica per capire in quale area avviene l’assorbimento anomalo che ha causato il collasso del serbatoio comunale di località Serrone a Roccella Jonica.Questa mattina,  come hanno registrato i rilevatori,  alle ore 5.45 si è verificato un assorbimento improvviso che ha portato il flusso in uscita da 40 a 87 litri al secondo,  grazie ad un intervento manuale si è evitato un’ulteriore perdita d’acqua.   A rotazione sono stati chiusi e riaperti tutti i settori (quartieri cittadini). Questo anche per consentire a tutti, anche se per poche ore, di avere l’acqua. Intanto il livello del serbatoio comunale sta lemtamente salendo e questo lascia ben sperare per un ritorno nelle prossime ore ad una situazione di quasi normalità. La Sorical ha ulteriormente potenziato il flusso di acqua in ingresso,  anche se si registrano ancora oscillazioni continue che vanno da 37 a 67 litri al secondo.  

        Intanto è iniziata la distribuzione gratuita di acqua minerale che il comune ha messo a disposizione dei cittanini che ne avessero bisogno.  Un intero Tir questa mattina ha scraricato nel cortile delle scuole elementari di Roccella Jonica migliaia di bottiglie di Acqua Minerale Calabria.  Presso La Casa dell’acqua è possibile fare rifornimento di acqua in forma gratuita. Inoltre due autobott, cariche di acqua ad uso sanitario,  stanno girando per tutto il territorio comunale.  L’unità di crisi presieduta dal Sindaco Giuseppe Certoma e composta da tutti gli assessori e tecnici del comune non ha mai smesso di operare ed è in continuo contatto con Sorical e Prefettura. Vi aggiorneremo su altre novità appena ne avremo, intanto bisogna evitare al massimo gli sprechi del prezioso liquido e fare scorte per le prossime ore. 

Giuseppe Mazzaferro | redazione@telemia.it 

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.