Ven. Mar 5th, 2021

Dopo la rivoluzione societaria, va definita la guida tecnica

Questo matrimonio… si potrebbe ancora fare: la parafrasi vuole dare un’idea più possibile vicina alla realtà dell’incontro di sabato scorso tra la dirigenza appena ricostituitasi del Locri e Salvatore (per tutti Sammy Accursi. Contattato dal Locri nei giorni scorsi e la sua indicazione era (visti i solidi trascorsi da calciatore, le recenti esperienze dapprima come secondo nel Catanzaro e poi nelle squadre minori della società giallorossa) una scelta di un certo spessore. Va comunque precisato che il contratto era sorto prima dell’assemblea societaria che ha individuato il professore Francesco Iaria quale nuovo presidente del sodalizio amaranto, con il Locri anche reduce dal commiato del direttore sportivo Natino Varrà. Con Accursi (che si era riservato di decidere) gli argomenti erano stati articolati, compresi lo staff e la direzione sportiva, anche con alcune indicazioni da parte dello stesso Accursi. Ora, considerata l’importantissima novità del nuovo presidente, è stato giocoforza, anche se i tempi sono sempre ristretti, riportare indietro le lancette dell’orologio e ripartire con l’intero ragionamento: Accursi ha continuato a mantenere una disponibilità di massima per la squadra della sua città ed ha responsabilmente ritenuto essere più naturale che la nuova dirigenza possa prima individuare la figura del direttore sportivo e, quindi che sia eventualmente condivisa la successiva scelta tecnica. Le parti si sono quindi lasciate per un eventuale aggiornamento e i vertici societari, in effetti stanno ora valutando, con l’assoluta urgenza che i tempi stretti richiedono, alcune opzioni per la figura del nuovo direttore sportivo.
E’ chiaro, quindi, che, ormai anche a pochi giorni dalla scadenza del termine per effettuare le formalità di iscrizione al campionato, si riparte dalle scelte della rinnovata dirigenza: si tratta di un percorso che, se da un lato ha ritardato alcuni passaggi, dall’altro era assolutamente necessario per “aggustare”, in un certo senso, le criticità societarie. La concreta disponibilità ad investire nel sodalizio amaranto manifestata dal prof. Iaria ha, per così dire, sbloccato la situazione, anche con l’importante corollario della permanenza di Antonella Modafferi nella veste di Vice Presdente e, per il resto, il sostanziale mantenimento del quadro dirigenziale di vertice. Pare pure superato, com’è nella normalità delle cose, il dato quasi sentimentale della non locresità del nuovo presidente: se si parla anche di squadra comprensoriale ed il Locri sarebbe un ottimo candidato-pilota per un progetto certamente ambizioso e da tempo ventilato da tanti, allora il territorio comunale può pure paradossalmente rivelarsi, da ogni punto di vista, un ambito ristretto per velleità eventualmente più importanti.
La nuova dirigenza, comunque, deve correre: ds, allenatori, staff ed organico vanno definiti al più presto.
CARMINE BARBARO

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.