SIDERNO (RC): PRIMA INTERVISTA A MOMMO MESITI NUOVO ALLENATORE DEL SIDERNO

609

La squadra partirà con un obiettivo preciso; quello di svolgere un campionato importante e allo stesso tempo valorizzare le risorse umane del territorio, insieme alla ristrutturazione del settore giovanile che dovrà essere la linfa vitale degli anni a venire. Un settore a cui sarà rivolto anche il mio sguardo “. Mommo Mesiti , che ha sciolto la sua riserva ed è ufficialmente il nuovo allenatore del Siderno, alla sua prima intervista da nuovo mister, non nasconde le sue ambizioni e ci tiene anche a sottolineare che voleva questo suo ritorno a Siderno dove ha passato, come giocatore, degli anni entusiasmanti “ La mia è stata una scelta dettata dal cuore e dall’affetto che nutro nei confronti di questa città è degli sportivi Sidernesi che mi hanno sempre dimostrato tantissimo calore e gratitudine tutte le volte che sono tornato in città a distanza di tantissimi anni . Ho rinunciato – dice senza alcun rammarico – a delle altre offerte anche più remunerative ma l’ho fatto in tutta tranquillità e consapevolezza del lavoro che ci sarà da svolgere. Del mio passato di calciatore ho dei ricordi indelebili di anni trascorsi in una delle società più organizzate della serie D e di campionati svolti sempre con obbiettivi di vittoria. Forse il più grande rammarico è stato quello di non aver raggiunto il professionismo proprio con questa società che lo avrebbe meritato per passione, blasone e per come coccolava i suoi calciatori”. Contento dunque di potere fare, adesso, qualcosa di concreto per la città e per la squadra ? “Sono contentissimo; qui a Siderno ho trascorso tre anni fondamentali per la crescita sia come calciatore che come uomo . Vi dico subito che la squadra sarà ricostruita dalle fondamenta. Ci saranno parecchie partenze e tanti arrivi anche di calciatori importanti, nei ruoli cardini, che saranno chiamati a fare da traino per i giovani e far capire loro che ancora oggi nel calcio per raggiungere gli obiettivi prefissati c’è bisogno ancora dei valori che ancora esistono, come il senso di appartenenza e l’amore verso la maglietta che si indossa . Senza valori – dice Mesiti – non si va da nessuna parte. Ecco uno dei miei compiti principali sarà quello di far capire loro il senso e il peso di questi colori. So che la tifoseria ci sarà vicina e questo sarà un altro punto fondamentale che ci consentirà di dare risposte positive”. In città si vive effettivamente un momento di grande entusiasmo. Nei giorni scorsi si è tenuta all’ Hotel President una riunione dei soci, vecchi e nuovi ( tra i nuovi anche i noti imprenditori Nino Sgotto e Mimmo Guttà) e si sono create le premesse per fare un campionato d’avanguardia. Non a caso una torta e alcune bottiglie di ottimo spumante italiano hanno fatto da cornice alla serata . Raffaele Salerno è stato riconfermato presidente e a Francesco Vumbaca è stato assegnato il compito di Direttore sportivo ( per il Dg si pensa a Cosimo Silvano). Nei prossimi giorni saranno assegnate le altre cariche. Si è parlato anche di alcuni importanti acquisti ma ne Salerno, ne Vumbaca hanno voluto fare nomi. Da qualche indiscrezione ci è parso di capire, però, che il Siderno ha già chiuso con il centrocampista Damiano Viscomi e ci sono in arrivo due giocatori argentini di notevole portata. Sembra anche che potrebbe tornare l’attaccante Khoris e che come portiere si punta su Cannizzaro. Ma ci sono anche altre novità che ufficializzeremo nei prossimi giorni.

Aristide Bava

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.