CONCLUSA LA VISITA DEL MINISTRO PER IL SUD BARBARA LEZZI IN CALABRIA

329

“Sono venuta qui per capire e rendermi conto di persona di quanto sta accadendo nel porto che è un’infrastruttura non utilizzata come dovrebbe essere per creare sviluppo e occupazione”. Lo ha detto ieri il ministro Barbara Lezzi appena giunta per una visita e una serie di incontri al Porto di Gioia Tauro. “Cercherò di capire – ha aggiunto il ministro – come sta funzionando l’Agenzia per il Lavoro creata lo scorso anno e nella quale sono stati collocati 377 portuali. So che qui ci sono delle aziende che non mantengono gli impegni sugli investimenti promessi. Mi auguro che venga superata al più presto la gestione commissariale dell’Autorità portuale perché qui serve un manager che lavori a 360 gradi per il rilancio del porto e senza il quale anche la Zes rischierebbe di restare azzoppata”. Lezzi nel corso della sua tappa gioiese ha incontrato il management dei terminalisti ed i rappresentanti delle organizzazioni sindacali. Il ministro per il Sud si è anche soffermata sull’impegno del governo centrale contro la ‘ndrangheta e a favore del territorio reggino. “Qui ci sono enormi potenzialità inespresse che hanno bisogno di risposte certe sul piano istituzionale” ha infatti riferito. Le potenzialità, insomma, per diventare attrattore d’investimenti ci sarebbero tutte. Gli investimenti, però, devono essere garantiti in primo luogo dagli operatori che vi lavorano. Altro punto su cui occorre lavorare, a detta di Lezzi, è la definizione di un progetto per l’utilizzo del retroporto all’interno del quale devono essere recuperati gli errori del passato, in termini di programmazione, e nel quale occorre tentare di avviare insediamenti produttivi legati alle vocazioni di questa regione, in particolare l’agroalimentare. A conclusione della visita nel bacino del porto di Gioia Tauro, parlando con i giornalisti, si è detta “contraria” alla permanenza del regime commissariale in capo all’Autorità portuale. “Questo – ha aggiunto il ministro – non perché sono contro la figura del Commissario ma perché penso che serva un manager che sappia incarnare una governance moderna in grado di rilanciare lo scalo e il retroporto”. “Ovviamente – ha detto ancora Lezzi – ho sentito le aziende e le organizzazioni sindacali e ho detto loro che avvierò un’interlocuzione con gli altri ministri competenti perché si arrivi a soluzioni condivise. Ai lavoratori licenziati, confluiti nell’Agenzia per il Lavoro, ho detto che cercherò di capire le ragioni per le quali fino ad oggi nessuno di loro è mai stato avviato al lavoro”.

ALESSANDRA BEVILACQUA|redazione@telemia.it

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.