2 Dicembre 2020

Riscrivere la Storia onorando la memoria del sangue dei vinti e quella verità da sempre occultata dalla storiografia ufficiale. E’ il proposito del nuovissimo romanzo di Giuseppe Fiorenza dal titolo “E dopo accadde”

(2018, Ferrari editore) che sarà presentato venerdì 31 agosto al Blue Bay di Caulonia Marina nell’ultima serata della rassegna “Cultura sotto le stelle”, ideata dalla stilista Patrizia Papandrea e realizzata in collaborazione con lo spazio culturale “MAG. La ladra di libri” di Siderno.

Un romanzo originale, imprevedibile e per nulla scontato quello di Fiorenza, che come sempre fluttua tra passato e presente, tra il Cinquecento dell’Inquisizione e il XXI secolo dei talk-show in diretta Tv, in cui tutto è spettacolarizzazione, dall’uso disinvolto delle scoperte scientifiche, al ricorso al televoto per giudicare fatti accaduti cinque secoli prima, perchè se all’epoca tutto era vittima dell’oscurantismo più bieco, oggi c’è l’esigenza di mettere tutto in piazza, foss’anche quella virtuale di una Tv o di un social network che diventa una sorta di processo di Norimberga 2.0.

E l’originalità della fatica letteraria di Fiorenza sta proprio in

questo: mettere a nudo le contraddizioni di due epoche storiche così lontane e provare a riscrivere la Storia includendo anche le ragioni delle minoranze, dei vinti.

In questi giorni, l’autore, originario della Calabria ma stabilitosi da tempo a Torino, è nella nostra regione per presentare il suo romanzo, con un mini tour che ha già toccato, tra l’altro, Soverato, Serra San Bruno e, venerdì sera, sarà a Caulonia Marina.

Gianluca Albanese e Maria Antonella Gozzi dialogheranno con lui.

Al termine della serata, Patrizia Papandrea darà vita a una breve cerimonia di celebrazione della prima rassegna estiva sul lungomare di Caulonia Marina, alla quale sono stati invitati tutti gli autori che hanno presentato i loro libri.

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.