4 Dicembre 2020

Sospiro di sollievo per la camera iperbarica di Palmi, reparto collocato all’interno dell’ex ospedale “Francesco Pentimalli”, considerato “fiore all’occhiello” della sanità calabrese e non solo. Questa eccellenza meridionale rischiava infatti la chiusura perché dei cinque medici che operavano nella struttura ne era rimasto solo uno. Ora su disposizione del direttore sanitario dell’Asp di Reggio Calabria Pasquale Mesiti arriva un nuovo dirigente medico, trasferito temporaneamente dal 118, con esperienza professionale nel settore della emergenza/urgenza relativa alla camera iperbarica. Da settimane si era creata una situazione di grave emergenza di personale medico dopo la prematura scomparsa di uno degli specialisti del reparto e con gli altri 3 medici andati in pensione nell’arco di pochi mesi a cui non era seguita nessuna integrazione di unità suppletive per sopperire alla grave carenza. Una situazione che richiedeva un intervento immediato da parte degli organi competenti, rischio la chiusura del Centro Iperbarico “Galeazzi” di Palmi. Considerato l’enorme richiesta proveniente da tutto il Mezzogiorno e le terapie di supporto che il personale fornisce quotidianamente anche a tutti i corpi speciali delle Forze Armate che esplicano attività subacquee: dai sommozzatori della Marina Militare a quelli dei Vigili del Fuoco, ai Carabinieri, a quelli della Guardia di Finanza l’incognita era quella di non riuscire più a dare un servizio concreto nelle emergenze, ma anche a tutti coloro che soffrono di particolari e gravi patologie. Ora si spera in un’inversione di tendemza per questa eccellenza della sanità calabrese e meridionale.

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.