PONTE PETRACE, PER IL CODACONS E’ A RISCHIO MA L’ANAS LO HA FINITO DI RISTRUTTURARE LO SCORSO ANNO

752

Tra allarmismo e dati certi, dopo la caduta del ponte Morandi a Genova continua l’azione di monitoraggio di ponti, viadotti e cavalcavia in tutta la Penisola. Tra questi era finito, in una sorta di black-list, il ponte sul Petrace che unisce Gioia Tauro a Palmi, lungo la Statale 18. Il Codacons, la combattiva associazione dei consumatori, l’aveva inserita in una sorta di elenco delle strutture italiane a rischio che necessitano di interventi urgenti. L’associazione aveva chiesto una verifica immediata sullo stato della sicurezza del ponte Petrace attraverso l’accertamento del Genio Militare. Ma constatare che la struttura era finita su questa lista nera redatta dal Codacons ha colto un po’ tutti di sorpresa anche perché, l’opera infrastrutturale in questione, è stata interessata da una rilevante manutenzione straordinaria ultimata da qualche mese, precisamente nel maggio dello scorso anno. E le immagini che andrete a vedere, diffuse dalla stessa Anas, fanno vedere il ponte com’era prima del restauro e com’è oggi dopo il ripristino. La ristrutturazione del ponte è avvenuta grazie a un progetto finanziato nell’ambito del cosiddetto decreto legge “Sblocca Italia” per un importo complessivo pari a 2 milioni di euro e portato a termine dall’Anas. In questo caso il Codacons forse non ha aggiornato la sua black-list dei ponti da ristrutturare ma questo non significa che l’opera in questione non debba essere tenuta sotto controllo e monitorata allo stesso modo.

IL SERVIZIO ALL’INTERNO DEL TGNEWS

redazione@telemia.it

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.