Sab. Apr 20th, 2024
20060124 - ROMA - POL - LEGITTIMA DIFESA: ECCO COSA PREVEDE LA NUOVA LEGGE - SEMPRE PROPORZIONATA REAZIONE DI CHI E' AGGREDITO IN CASA - Un'immagine d'archivio che mostra un uomo che impugna una pistola. Chi, trovandosi in casa propria o nel luogo di lavoro, si sente aggredito o minacciato, o crede minacciati e aggrediti i beni che gli appartengono, puo' reagire come crede, utilizzando le armi ''legittimamente detenute'' ed anche uccidendo, perche' la sua reazione sara' sempre considerata ''proporzionata'': in sintesi, e' quanto prevede la legge sulla legittima difesa che e' stata approvata definitivamente dalla Camera. FRANCO SILVI/ANSA-ARCHIVIO/TO

L’omicidio potrebbe essere legato a un fatto di sangue avvenuto in maggio dove era stato ferito il fratello della vittima

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Ucciso sulla spiaggia in mezzo ai bagnanti a Marina di Nicotera, nel vibonese. Un uomo di 43 anni, Francesco Timpano, è stato ammazzato a colpi di pistola all’interno di un camping. La dinamica dell’omicidio non è ancora chiara ma, sembra che il killer abbia fatto irruzione nella struttura facendo fuoco. Poi è scomparso. La vittima, che aveva precedenti pr droga, è morta sul colpo. Sul posto i carabinieri della Compagnia di Tropea.

L’ipotesi è che ci sia un collegamento con un fatto di sangue avvenuto lo scorso maggio tra Nicotera e Limbadi. Francesco Timpano, infatti, era il fratello di Pantaleone, una delle tre persone ferite in quella circostanza da Francesco Olivieri, il trentaduenne che, in un raid omicida, uccise due persone: Giuseppina Mollese, di 80 anni, e Michele Valerioti, di 67. Olivieri, in precedenza, si era anche recato nella frazione Caroni di Limbadi dove aveva esploso alcuni colpi di fucile all’indirizzo dell’auto di un altro fratello di Timpano, Vincenzo. L’autore di quella sparatoria si costituì dopo tre giorni di latitanza e per motivare quanto aveva fatto spiegò che aveva da sempre in animo di farla pagare alle persone che riteneva essere coinvolte nell’omicidio di un suo fratello.

FONTE LA REPUBBLICA.IT

Print Friendly, PDF & Email