Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

NAVE DICIOTTI, SALVINI INDAGATO: RISCHIA 15 ANNI DI CARCERE

294

Per me è un’esperienza nuova e ci tengo a condividerla”. Sui social il ministro Salvini legge l’avviso di garanzia del Pm di Palermo. Il ministro ha aperto in diretta Facebook la busta gialla arrivata dalla Procura di Palermo con l’avviso di garanzia  per il caso Diciotti e ne ha letto il contenuto, che riportiamo di seguito:

 

 “il procuratore capo della Procura di Palermo al ministro dell’Interno, senatore Salvini: illustrissimo ministro, è mio dovere informarla, ai sensi dell’articolo 6 della legge Costituzionale n.1, del 1989 che questo ufficio ha richiesto in data odierna lo speciale collegio previsto dall’articolo 7 della legge costituzionale citata e costituito presso il tribunale di Palermo, di procedere a indagini preliminari nei suoi confronti”- ha detto Salvini, che ha proseguito– “quindi sono indagato e chi mi vuole indagato ora festeggia, mentre sono rabbuiati o incazzati quelli che invece pensano che io stia facendo il mio lavoro” . “In ordine ai reati 81 e 605 – commi 1, 2 e 3 – del Codice penale- ha continuato il ministro proseguendo la lettura– commesso in territorio siciliano fino al 25 agosto 2018″. “Vado a memoria – ha aggiunto – ma dovrebbe essere il famoso sequestro di persona, aggravato dal fatto che io sono ministroaggravato dal fatto che a bordo ci fossero dei minori e per aver continuato per più giorni il reato. Sono 15 anni di carcere come pena massima a cui occorre, eventualmente aggiungere le aggravanti“.

Nel procedimento aperto dalla Procura della Repubblica di Palermo sulla vicenda dei migranti a bordo della nave Diciotti della Guarda Costiera italiana, il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha già comunicato che intenderà avvalersi della difesa dell’Avvocatura dello Stato.

“Ora Boldrini, Renzi, Gad Lerner, Saviano… la Mannoia staranno festeggiando-ha proseguito Salvini-“Finalmente, diranno, lo hanno preso questo assassino’ Tuttavia penso che la maggior parte degli italiani abbia invece qualche perplessità, perché siamo davanti alla certificazione che un organo dello Stato indaga su un altro organo dello Stato. Con la piccolissima differenza che io pieno di limiti e difetti, sono stato eletto dai cittadini; altri non sono stati eletti da nessuno e non rispondono a nessuno“. “Mi avete chiesto voi – con il vostro voto – di controllare i confini, i porti, di evitare gli sbarchi, limitare le partenze e espellere i clandestini. Me lo avete chiesto voi – ha dichiarato- e per questo vi ritengo miei amici, miei sostenitori e miei complici. Io, comunque, non sono preoccupato, non sono terrorizzato. Ho zero tempo da passare con gli avvocati per questa vicenda e per quella di Genova. Io sono pagato per garantire la sicurezza dei cittadini, questo continuerò a fare, senza farmi togliere il sonno. Questo – ha concluso affiggendo la comunicazione della Procura – lo attacco qui sul muro“.

strettoweb.com

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.