Sab. Dic 4th, 2021

Non sono bastate le tante denunce negli anni, i passaggi sulla stampa, una mozione in Consiglio per sensibilizzare la Città metropolitana di Reggio Calabria a far qualcosa per la strada franata, la Sp 32 conosciuta come strada del “Ponte Vecchio”, nel tratto compreso tra contrada Cirello e Palmi. A rimuovere l’ostacolo fisico e burocratico non ci pensano proprio i nostri rappresentanti. Sono passati, infatti, 4 anni dallo sgretolamento del manto stradale e nessuno ha fatto niente se non chiudere l’arteria per qualche periodo. Da Palazzo Alvaro, sede della provincia ora Città metropolitana, fanno sapere che i lavori di ripristino inizieranno presto. Ma ancora non si è visto nulla. Sta di fatto che il rischio per molti automobilisti continua ad essere sempre più forte soprattutto con l’avvicinarsi delle piogge autunnali.  Di competenza prima provinciale ora della Città metropolitana, la Sp 32 è un’arteria molto trafficata perché unisce Taurianova a Palmi e con essa molti centri interni alla Piana. Considerata un po’ una scorciatoia per tanti cittadini e professionisti che ogni giorno si recano a Palmi sede di molti uffici pubblici importanti come il Tribunale civile e penale, l’Inps, l’Agenzia delle Entrate, l’Archivio di Stato e nonché sede di importanti istituti scolastici. L’inerzia istituzionale continua, forse si aspetta la tragedia per intervenire.

IL SERVIZIO ALL’INTERNO DEL TEGNEWS

redazione@telemia.it

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.