4 Dicembre 2020

Buona la prima per il Catanzaro di Gaetano Auteri. I giallorossi bagnano con un successo l’esordio stagionale battendo al “Ceravolo” il Potenza. E’ Ciccone a firmare al 7’ il gol partita realizzando il penalty fischiato dall’arbitro per fallo su Nicoletti, lanciato in area dallo stesso numero due di casa con uno splendido colpo di tacco. Dal dischetto l’attaccante giallorosso non sbaglia e fa esultare i propri supporter assiepati sugli spalti. Il gol quasi a freddo non taglia le gambe al Potenza che con il passare dei minuti guadagna campo creando diversi pericoli dalle parti di Golubovic nel finale del primo tempo e a più riprese nella seconda frazione. Nel mezzo l’occasionissima del raddoppio di casa sprecata da Giannone ed il missile di D’Ursi deviato in angolo con un intervento prodigioso da Ioime. Al 96’ lucani in gol quando l’arbitro, tuttavia, aveva già fermato il gioco. Per gli Auteri boys primi tre punti in tasca.

L’esordio è da urlo. Il Rende si conferma “piccola” dal grande potenziale. Dopo l’exploit dello scorso anno da matricola, la squadra biancorossa riprende il cammino come meglio non poteva: quattro reti in trasferta, Paganese al tappeto e tre punti subito in cassaforte. I ragazzi di Ciccio modesto partono forte e al 13’ sono già avanti con Franco. Awua al 20’ raddoppia. La Paganese sembra alle corde ma al 32’ ritorna in partita con il gol di Tazza. È solo un dettaglio perché i calabresi nella ripresa dilagano e con Rossini (doppietta) calano tris e poker e per i salernitani è game over. 

La Vibonese ringrazia Manuel De Carolis e bagna l’esordio nella ritrovata Serie C con un punto. I rossoblu lo strappano via con le unghie e con i denti da Bisceglie. La squadra che trova un splendido gol su rovesciata con Starita ( al 27’) ma poi praticamente sparisce dal campo. O quasi. I calabresi reagiscono ma non riescono a trovare subito il pareggio. Ci vanno vicinissimo Ciotti nella ripresa (al 50’) e Melillo (al 72’). Due azioni quasi simili dallo stesso risultato: tiro a botta sicura con porta spalancata e pallone fuori clamorosamente. E quando la mira è giusta è il portiere di casa a metterci i guantoni e a blindare la propria porta. All’81’ Orlandi butta nella mischia De Carolis al posto di Finizio. E’ la mossa che spacca il match e regala il pari alla Vibonese al minuto ottantanove: corner battuto dagli uomini in rossoblu, incornata vincente del neo entrato e sconfitta evitata.

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.