5 Dicembre 2020

La Casa di Cura “Villa Elisa” di Cinquefrondi per lungo tempo è stata punto di riferimento delle nascite in tutta la Piana di Gioia Tauro e provincia, con un attrezzatissimo reparto di Ostetricia-Ginecologia e Neona-tologia. Poi la riconversione in un centro di riabilitazione intensiva e lungodegenza. E da qui prende forma il nostro racconto. Una storia di grande solidarietà perché il managment aziendale della clinica ha deciso di dismettere tutta l’attrezzatura e le apparecchiature mediche  riguardante il reparto di ostetricia donandolo in toto a due centri sanitari in Africa, precisamente in Madagascar dove con il materiale regalato verranno allestite due cliniche per le partorienti e i neonati malnutriti  dedicate  alla compianta Dott.ssa Fortunata Megale, medico pediatra e fondatrice della Casa di Cura Villa Elisa.

Un Tir strapieno di attrezzature mediche è già partito alla volta del porto di Napoli con successivo imbarco direzione Madagascar,  la grande isola sulle coste dell’Africa sud-orientale al cui interno sta trasportando materiale di arredo e apparecchiature elettromedicali, sale operatorie, sale parto, incubatrici per la neonatologia, camere di degenza, cardio-tocografi  e monitor fetale, culle neonatali, lampade di fototerapia, lettini di rianimazione neonatale, ventilatore polmonare e tante altre attrezzature costosissime che andranno ad sostenere famiglie e bambini meno fortunati nella poverissima isola africana.

Il Madagascar, infatti, ha un elevato indice di mortalità durante il parto e scarsa assistenza ai neonati. Il gesto di generosità è avvenuto grazie anche alla collaborazione sul campo della onlus  “Missioni Estere Reden-toriste” e alle Suore Geradine di San Gerardo Maiella di Sant’Antonio Abate di Napoli. Tutto il  materiale servirà, in parte per allestire  una clinica di maternità costruita l’anno scorso nel villaggio di Ambo-di-pont, diretta dalle suore Gerardine  e in parte per la clinica di nuova realizzazione a Vohemar  diretta dai Missionari Redentoristi, entrambe ubicate in zone molto povere del Madagascar.

IL SERVIZIO ALL’INTERNO DEL TEGNEWS

redazione@telemia.it

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.