Sab. Gen 23rd, 2021

Lo   stabilimento   del   consorzio   termale   “Acque   Sante”   di Antonimina-Locri, ha ospitato una tappa del motoraduno interregionale, dove circa   300   centauri,   provenienti   da diverse   regioni, hanno deciso su invito della nuova amministrazione di sostare per conoscere   questa   realtà,   commemorando  un   loro   compagno prematuramente scomparso. La finalità di tale evento ricade nell’ambito  di una nuova programmazione e gestione del parco termale che miri   alla valorizzazione di questa importante risorsa per tutto il territorio Locrideo, ma non solo. L’obbiettivo   rimane   quello   di   rivisitare   il   concetto   di   turismo   termale,   con l’auspicio   di   poter   diventare   meta   del   turismo   del   benessere   fuori   porta, utilizzando   tutte   le   potenzialità     medico-culturali   paesaggistiche   ed  eno-gastronomiche di tutto il comprensorio.  Il   presidente,  dopo  la benedizione dei caschi dei centauri effettuata dal vicario del Vescovo Don  Piero Romeo,   ha   consegnato   al   padre   del   motociclista scomparso (originario del comune di  Portigliola)   una   targa commemorativa, con la presenza dei titolari   del   consorzio   termale e i sindaci   di   Antonimina   e   Locri.  Secondo   la   nuova   gestione   termale,   alle   proprietà   mediche   delle   acque   già apprezzate   dai   greci   e   dai   romani   ed   oggi     riconosciute   da   numerosi   studi pubblicati su riviste nazionali ed internazionali, vanno affiancate le importanti e tradizionali risorse del territorio,  come l’ archeologia,   i prodotti eno-gastronomici, il sole, il mare e gli agrumi, in particolar modo  il   bergamotto.  Tutte risorse da inserire   nei percorsi   benessere   che andranno a  rappresentare   il   futuro   delle terme e valorizzare ulteriormente il territorio calabrese.

Manuela Mammone

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.