Mar. Apr 16th, 2024

«Io non ho la possibilità di stabilire, una volta che individuo un’ipotesi di reato, quali siano le conseguenze politiche e sociologiche del reato che perseguo, altrimenti apriremmo la strada alla discrezionalità: poiché non è opportuna quest’azione penale, me la metto in saccoccia o nell’armadio. Bisogna sempre avere a riferimento un modello astratto. Non credo che a nessuno degli italiani piacerebbe un modello simile, in cui è dato a qualcuno decidere cosa fare e cosa non fare». Sono parole pronunciate dal procuratore di Locri, Luigi D’Alessio, ai microfoni di “Radio anch’io”, in merito alle conseguenze dell’inchiesta sul “modello Riace”.

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

 

«Io – ha detto ancora – coltivo in me il senso del dubbio, quindi non ho certezze da propinare a nessuno. Però – ha spiegato il magistrato – penso che ognuno debba non tranciare giudizi assoluti. Non sono un Torquemada che ha deciso di perseguitare Lucano, che per giunta è anche un persona simpatica; di per sé ha preso un’iniziativa di altissimo valore morale. Il problema – ha sottolineato – è che non è stato, secondo me, in grado di porla in essere».

lacnews24.it

Print Friendly, PDF & Email