Sab. Gen 23rd, 2021

Dopo l’arresto del sindaco Mimmo Lucano e la messa in discussione, da più parti, del modello Riace  si sta alimentando, a margine di questa vicenda, tutta una querelle politica, a volte gonfiata per ragioni strumentali, altre volte, invece, per tentare di contaminare, sulla scia di questa circostanza, altri contesti come ad esempio le tendopoli presenti nella Piana. È il caso della querela tra il sindaco di San Ferdinando Andrea Tripodi e l’esponente locale del Movimento nazionale per la Sovranità, che fa capo all’ex ministro Gianni Alemanno, Maria Carmela Digiacco. Si sa che in questo momento il rilascio dei documenti, come le carte d’identità, agli extracomunitari, è un nervo scoperto, tanto da portare il sindaco di San Ferdinando a querelare per diffamazione una sua concittadina.

Secondo l’amministratore “associando alla realtà di San Ferdinando le vicende che hanno interessato la comunità di Riace”, la Digiacco si è espressa sui social network, per così dire, non in modo appropriato. “Si apra un fascicolo anche per la #tendopoli di #SanFerdinando – ha scritto  in un post l’esponente sovranista – dove si rilasciano facilmente carte d’identità a soggetti sconosciuti arrivati sui barconi. Oppure, per dignità politica, si dimetta l’amministrazione comunale”.

Parole di fuoco che non sono piaciute al sindaco Andrea Tripodi che non ci ha pensato un solo secondo a denunciare la sovranista per calunnia. “Tali espressioni – sostiene il sindaco – oltre a rappresentare un offensivo rifiuto della verità, contengono sentimenti diffamatori e irriguardosi anche nei confronti dei dipendenti comunali che operano, ormai da anni, in condizioni di effettiva difficoltà. La massiccia presenza dei migranti è un fenomeno epocale – osserva – di cui la nostra comunità, pur soffrendo di gravi fragilità, si è fatta carico di governare coniugando quotidianamente il dovere umano dell’accoglienza con il puntuale rispetto delle leggi”. Ma a stretto giro di posta è arrivata la risposta e la controquerela della Digiacco.

IL SERVIZIO ALL’INTERNO DEL TGNEWS

redazione@telemia.it

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.