FRANA JUNCHI: CONTINUA LA PROTESTA

367

“Non siete riusciti a fare vittime sulla frana di Junchi”, queste le parole di Vincenzo Logozzo, referente comitato spontaneo per la frana che ha colpito la strada provinciale 122. Grossi massi sono caduti, di cui uno di grandi proporzioni che si è frantumato sulla strada e gli abitanti, rischiando, hanno provveduto ad emarginarli.
Con rabbia, in una missiva inviata al Sindaco Metropolitano Giuseppe Falcomatà, al Consigliere Delegato Demetrio Marino e all’Ing. Pietro Foti, definisce irresponsabili ed incoscienti gli stessi governanti della Città Metropolitana, che sapendo la situazione da ben tre anni, non hanno provveduto e non stanno provvedendo malgrado i continui appelli e quelli del Prefetto. 
Ricorda,inoltre:”A Novembre dello scorso anno e poi a febbraio di quest’anno sono venuti i tecnici per il sopralluogo e hanno evidenziato che: prima di tutto bisogna provvedere per la sicurezza di quel costone e incanalare le acque, sennò lavori persi.
Ma i lavori non sono mai stati fatti. Non per colpa dei tecnici o per colpa della dirigente precedente, che aveva disposto i sopralluoghi ed aveva chiesto il finanziamento
(come ci hanno riferito i consiglieri che abbiamo all’epoca interessato) accompagnata da tre relazioni tutte che avvisavano il governo metropolitano dei pericoli. Colpevoli in assoluto”, aggiunge, “perché non avete finanziato volutamente i lavori. Tutto ciò malgrado il deliberato del Consiglio Metropolitano che aveva ordinato la disponibilità immediata iniziale di 150 mila Euro. Tutto questo la gente lo sa ed è inferocita”, dice, “rabbia e delusione nel vedere tutti noi impotenti di fronte a questo strapotere reggino che posa
solo per sé e lascia le noccioline agli “emarginati”, senza mai tenerli in considerazione!”

MARCELLA MESITI|redazione@hotmail.it

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.