Ven. Ago 19th, 2022

Oggi una riunione ad hoc per sollecitare l’intervento del governo. Oliverio: «Servono risorse adeguate». Il sindaco di Crotone contro il M5S: «Pensano solo a polemizzare»

La giunta regionale formalizzerà oggi, in occasione di una riunione convocata ad hoc, la richiesta di dichiarazione dello stato di calamità naturale in Calabria per i danni provocati dai nubifragi dei giorni scorsi. Lo ha detto, parlando con i giornalisti a Lamezia Terme, il presidente della Regione, Mario Oliverio. «Si procederà, assieme ai Comuni – ha spiegato il governatore – a una quantificazione dei danni alle strutture ed alle infrastrutture, alle attività produttive, all’agricoltura ed alle attività commerciali». 
Oliverio, assieme al prefetto di Catanzaro e ai rappresentanti delle forze dell’ordine, ha accolto all’aeroporto di Lamezia la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, accompagnandola poi sui luoghi teatro della morte di una donna e dei suoi due bambini. Oliverio ha ringraziato i Vigili del Fuoco, la Protezione Civile, le forze dell’ordine, il volontariato e i sindaci «per l’importante opera svolta nelle ore dell’emergenza».

 

«LE PROVINCE NON CE LA FANNO» Oliverio ha evidenziato a Casellati, in visita nella zona colpita dal nubifragio che ha ucciso una donna e il suo bambino, mentre il secondo figlio della vittima e’ ancora disperso, «la necessità di interventi adeguati da parte dello Stato. Questo ultimo evento calamitoso evidenzia, ancora una volta – ha dichiarato Oliverio – la fragilità del territorio ma anche la necessità di intervenire attraverso risorse adeguate da destinare alla realizzazione di precisi interventi. In particolare – sottolinea Oliverio – ritengo non più procrastinabile la costruzione di un fondo adeguato nel bilancio dello Stato per consentire, ai Comuni ed alle Province, di far fronte alla manutenzione ed alla messa in sicurezza della rete viaria e delle altre infrastrutture di loro competenza. Le quattro Province calabresi e la Città Metropolitana di Reggio Calabria, a cui è affidata la competenza di oltre 8000 chilometri di strade, non sono oggi nelle condizioni di adempiere, in modo adeguato, a questo compito per mancanza di trasferimenti da parte dello Stato. Chiedo per questo a Lei – ha detto il Presidente Oliverio, dialogando con la presidente del Senato – di farsi interprete, presso il governo, anche di questa problematica, affinché nella legge finanziaria in corso di approvazione, si assumano risposte concrete».

PUGLIESE VS BARBUTO E CORRADO «Pensano solo a polemizzare e sui problemi del territorio non dicono una sola parola», ha detto il sindaco di Crotone, Ugo Pugliese, a margine dell’incontro con la presidente del Senato. Pugliese si riferisce alle due parlamentari crotonesi del Movimento 5 stelle, Margherita Corrado e Elisabetta Barbuto. Pugliese si sarebbe aspettato che le due parlamentari partecipassero all’incontro di Lamezia Terme per «sostenere le ragioni del territorio di appartenenza», invece, «ancora una volta – ha aggiunto – mi sono trovato di fronte ad una polemica riguardante l’area Antica Kroton». Secondo Pugliese gli altri parlamentari del M5s «non si comportano come le due rappresentanti di Crotone». «Gli altri – ha detto – difendono gli interessi del territorio». La loro presenza a Lamezia Terme secondo il sindaco avrebbe consentito di porre le questioni delle emergenze del Crotonese direttamente al presidente, che, invece, sono state rappresentate dal presidente della Provincia di Catanzaro, Bruno, anche per Crotone e Vibo Valentia. Invece che le polemiche Pugliese si aspettava «un riconoscimento per come è stata affrontata la difficile situazione dell’alluvione», lui stesso, infatti, ha sottolineato che «nonostante le scarse risorse sono state evitate complicazioni in tutto il territorio comunale».

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email
CHIUDI
CHIUDI