‘MANDAMENTO JONICO’: CHIESTI OLTRE 500 ANNI DI CARCERE CONTRO LA ‘NDRANGHETA REGGINA

2482

E’ tornato in aula il procedimento scaturito dall’operazione antindrangheta denominata ” Mandamento Jonico”. Ieri, la Procura Distrettuale antimafia di Reggio Calabria, in rito abbreviato, ha avanzato nei confronti di 41 imputati alla sbarra richieste di condanne per un ammontare complessivo ad oltre 500 anni di carcere. L’operazione da cui scaturisce il processo è stata condotta dai Carabinieri del R.O.S. e del Comando Provinciale di Reggio Calabria che nel luglio del 2017 eseguirono un Decreto di Fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, nei confronti di 116 persone indagate a vario titolo di associazione mafiosa, estorsione, porto e detenzione illegale di armi da fuoco, turbativa d’asta, illecita concorrenza con violenza e minaccia, fittizia intestazione di beni, riciclaggio, truffa e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e numerosi altri delitti collegati, tutti aggravati dalla finalità di agevolare l’organizzazione mafiosa denominata ‘ndrangheta. Oltre mille i Carabinieri del R.O.S., del Comando Provinciale di Reggio Calabria, degli Squadroni Eliportati Cacciatori di Calabria, Sicilia e Sardegna e del Battaglione Calabria impegnati nella vasta operazione anticrimine con arresti, perquisizioni e sequestri in tutti i principali centri della Locride, ove sono stati fermati affiliati alle locali di ‘ndrangheta di Locri, Roghudi, Condofuri, San Lorenzo, Bova, Melito Porto Salvo, Palizzi, San Luca, Bovalino, Africo, Ferruzzano, Bianco, Ardore, Platì, Cirella di Platì, Careri, Natile di Careri, Portigliola, Sant’Ilario, tutte rientranti nel mandamento ionico. Arrestati anche alcuni affiliati alle locali di Reggio Calabria, cosca Ficara – Laetella e cosca Serraino e alla locale di Sinopoli del mandamento tirrenico.

I provvedimenti scaturirono da un’indagine diretta dalla Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria che ha consentito di iscrivere nel registro degli indagati ben 291 soggetti, ai quali sono complessivamente addebitati 140 capi d’imputazione. L’indagine interessò la quasi totalità delle organizzazioni criminali comprese nel “mandamento” Jonico, composto dalle “Locali” più strutturate e maggiormente legate alle tradizionali regole di ‘ndrangheta, tanto da essere considerate il “cuore” dell’organizzazione.Tale vasta documentazione, quindi, permise di far emergere uno spaccato approfondito e completo delle dinamiche associative delle più importanti articolazioni ‘ndranghetiste.

Furono, infatti, individuate le gerarchie e gli organigrammi di ogni “Locale” a partire dalla cosca Ficara – Latella, egemone nella zona Sud di Reggio Calabria, per proseguire lungo l’intera fascia Jonica (da cui il nome dell’operazione, “MANDAMENTO”) sia dei comuni rivieraschi che quelli montani, con un monitoraggio investigativo capillare e completo come mai avvenuto in precedenza.

Nel dettaglio le condanne avanzate ieri:

Pasquale Aligi 4 anni e 6 mesi

Pasquale Barbaro 16 anni

Pietro Casili 8 anni

Antonio Cataldo (1964) 8 anni

Antonio Cataldo (1956) 20 anni

Francesco Cataldo 20 anni

Giovanni Andrea Cuzzilla 14 anni

Mario D’Auria 4 anni e 6 mesi

Leonardo Della Villa 12 anni

Pasquale Dieni 12 anni

Andrea Floccari 12 anni

Renato Floccari 20 anni

Giorgi Attilio 20 anni

Alberto Latella 18 anni

Candeloro Lia 14 anni

Giuseppe Lia assoluzione

Giorgio Macrì 8 anni

Saverio Maisano 20 anni

Giuseppe Mammoliti 12 anni

Vincenzo Mastroianni 4 anni e 6 mesi

Maurizio Maviglia 6 anni

Domenico Antonio Moio 20 anni

Giuseppe Morabito (1978) 18 anni

Rocco Morabito (1947) 20 anni

Domenico Nucera 14 anni

Francesco Pangallo 18 anni 6 mesi

Vincenzo Pedullà 20 anni

Rocco Perre 20 anni

Francesco Raschellà 20 anni

Antonio Leonardo Romeo 14 anni

Stefano Romeo 14 anni

Antonino Romeo 4 anni

Giuseppe Romeo 20 anni

Lorenzo Domenico Stelitano 12 anni

Francesco Trimboli 4 anni

Leonardo Ursino 4 anni e 6 mesi

Salvatore Ursino 14 anni

Salvatore Vadalà 12 anni

Bruno Zucco 20 anni

Domenico Zucco (1965) 18 anni

Leonardo Zucco 12 anni

ALESSANDRA BEVILACQUA|redazione@telemia.it

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.