RAI: MULÈ, LUCANO IN TV? NON SI PUÒ TAPPARE BOCCA A INDAGATO

318

Con tale regola non vedremmo in programmi molti esponenti Lega

“Trovo che la demonizzazione di coloro che sono sotto inchiesta per tappargli la bocca sia non solo fuori luogo, ma figlia di un tempo che non voglio più vivere. Tutti hanno diritto di parola, purché la esprimano nei modi corretti e non in maniera offensiva”. Lo ha detto Giorgio Mulè, portavoce dei gruppi parlamentari di Forza Italia, rispondendo a Catanzaro ad una domanda sulle polemiche sollevate dalla partecipazione del sindaco sospeso di Riace, Domenico Lucano, alla trasmissione “Che tempo che fa”. Mulè a Catanzaro ha presenziato all’inaugurazione della nuova sede provinciale di Forza Italia. “La gente – ha aggiunto Mulè – ha sufficienti anticorpi radicati per capire se si tratta di un messaggio di propaganda o di un messaggio serio. Se non dovessero andare in televisione tutti coloro che non solo sono sotto processo, ma che hanno addirittura subito una condanna, noi non vedremmo nei programmi molti esponenti della Lega che hanno subito in primo grado condanne o su cui pendono richieste molto pesanti e che siedono in Parlamento”.

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.