Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

TURISMO: IN CALABRIA 600 OPERATORI TURISTICI TEDESCHI

307

Saranno circa 600 gli operatori turistici tedeschi che fino al 14 ottobre avranno modo di vistare la Calabria. L’occasione che ha reso possibile questo tour è il Meeting internazionale 2018 della Deutscher ReiseVerband, la Federazione nazionale del turismo tedesco che si terrà, per la prima volta in Italia, tra Reggio Calabria e Scilla dal 10 al 14 Ottobre. L’iniziativa organizzata dalla Regione con la partnership dell’Enit, è stata presentata nel corso di una conferenza stampa a Catanzaro, nella sede della cittadella Regionale, dal presidente Mario Oliverio, dal sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà, dal presidente della Camera di Commercio di Reggio Antonino Tramontana e Angela Vatrano del dipartimento Turismo Beni culturali. “Questa iniziativa – ha sottolineato Oliverio – è solo il punto di partenza per penetrare il settore del turismo finalmente in maniera efficace così come abbiamo iniziato a fare. Il meeting rappresenta uno degli esempi su come la Regione sia impegnata sull’internazionalizzazione della Calabria senza la quale si rimane ai margini. In questi anni abbiamo invertito il trend negativo e vogliamo investire sempre di più in questa direzione perché i dati che emergono sono due: una maggiore presenza di turisti stranieri, specie tedeschi; e la crescita della destagionalizzazione come flussi turistici. Per questo abbiamo investito sul meeting e sulla Germania candidandoci e battendo la Turchia con i nostri territori, perché la più grande organizzazione del turismo europeo vedesse la Calabria”. La Drv, infatti, riunisce i più grandi esponenti del settore turistico a partire dal trasporto e supera l’85% del fatturato totale del mercato tedesco. Molti operatori inizieranno il loro viaggio che toccherà molti territori calabresi, non solo la Costa Viola reggina, già dal 7 ottobre con dei pre-tour sulla Costa degli Achei, nella piana di Sibari, la Costa dei Saraceni nel crotonese, a Cosenza e nel Parco nazionale della Sila. Il 10 ottobre, inizieranno i “Destination Workshop” con altri tour da Lamezia Terme e Reggio Calabria. Da Lamezia si visiteranno Tropea, Taverna, Scolacium, Casignana e Gerace, da Reggio Calabria, invece, Pentedattilo, Tracciolino, Bova e Bova Marina, Gambarie e Pizzo.
“Dobbiamo essere capaci – ha spiegato Oliverio – di intercettare la domanda dei turisti tedeschi. E’ una grande opportunità per la Regione. Devono vedere che la nostra regione è accessibile, perché questi tour operator orienteranno i flussi turistici nel prossimo futuro come è successo nelle passate edizioni del meeting, per questo abbiamo investito risorse importanti. Non è una iniziativa fine a se stessa. Non abbiamo messo i Bronzi di Riace sugli aerei spendendo milioni di euro, abbiamo portato le persone qui a vederli. Proporre tutto questo oggi è possibile perché abbiamo recuperato credibilità a livello nazionale e internazionale”. Per Falcomatà si tratta di una “grande occasione di sviluppo per il territorio reggino e per la regione in termini anche di ricaduta economica. Sentiamo tutta la responsabilità di ospitare questo grande evento internazionale, al quale ci stiamo preparando con il massimo impegno da molto tempo, con l’obiettivo di far innamorare i tour operator tedeschi delle eccellenze della nostra terra, anche perché se l’amiamo noi è difficile che guardandola con i nostri occhi non la amino anche loro. Nella nostra città i luoghi scelti per le visite sono i palazzi istituzionali come palazzo San Giorgio e palazzo Alvaro, il teatro Cilea, il grande albergo Miramare e tutto il centro storico”. Tramontana ha parlato di come “la scelta della Germania rappresenti quella giusta perché dai dati in possesso della Camera di Commercio, nel 2017 le presenze turistiche nell’area metropolitana di Reggio Calabria sono aumentate del 16% proprio grazie ai flussi turistici tedeschi, questo significa che il nostro territorio per il Paese tedesco è attrattivo dal punto di vista culturale, balneare, ma soprattutto per quel turista che cerca esperienze”.

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.