Dom. Feb 28th, 2021

Alla guerra infinita tra il sindaco di Varapodio Orlando Fazzolari e gli agricoltori della zona contro il consorzio di bonifica Tirreno Reggino di Rosarno si aggiunge una novità . Dopo aver vinto vari round e una “class action” promossa dal comune di Varapodio, insieme ad oltre 50 agricoltori dell’area, per cercare di porre fine alle “vessazioni” come le ha sempre chiamate il primo cittadino di Varapodio subite dai proprietari terrieri, ora il battagliero sindaco ha invitato gli agricoltori a presentarsi presso il palazzo municipale per firmare gli atti di autotutela  “per mettere un punto  – fa sapere – agli abusi subiti in questi anni”. Il  riferimento è ai ruoli emessi dal consorzio di bonifica Tirreno-Reggino “laddove – spiega l’amministratore della Piana  – non siano stati eseguite opere di bonifica e miglioramento fondiario”. Il sostegno normativo viene data dall’ultima sentenza della Corte Costituzionale dello scorso 19 ottobre che stabilisce in modo “inequivocabile – osserva Fazzolari – che le nostre battaglie contro il Consorzio di bonifica erano sacrosante”. Una sentenza che certamente farà giurisprudenza.

IL SERVIZIO ALL’INTERNO DEL TGNEWS

redazione@telemia.it

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.