MA CAULONIA IL SUO PREMIO A “MEZZOGIORNO IN FAMIGLIA” CE LO HA GIA’: E’ VIVA E UNITA.

1245

Con le vittorie a “Mezzogiorno in famiglia, lo straordinario spirito di squadra sta regalando emozioni a tutta la comunità.

Si ugualmente determinati, mossi dalla volontà di superarsi e di vincere. Il premio conclusivo sarà uno scuolabus, aggiudicato alla fine di giugno alla squadra risultante vincitrice finale.

Intanto è senz’altro una conquista quella di essere giunti alla finestra virtuale che viene aperta da numerose famiglie, ogni fine settimana, ed avere la possibilità di farsi osservare dall’Italia intera. Scopo della trasmissione è, infatti quello di far conoscere la provincia italiana con le sue bellezze e tradizioni, organizzando competizioni ludiche sta dimostrando molto forte il gruppo di ragazzi di Caulonia che da tre settimane partecipa alla trasmissione televisiva di Rai 2, “Mezzogiorno in famiglia”, vincendo tutti gli scontri. Alcuni di loro sono a Roma, negli studi di via Teluada, altri sono nella piazza principale del borgo antico, piazza Mese, ma tutti si mostrano tra diversi paesi grazie all’iniziativa di Luana  Franco, consigliere di maggioranza.  Giovane e tenace, per tre volte ha fatto richiesta alla Rai perché Caulonia venisse inserita tra i paesi in concorso. Oggi racconta: “Sapevo che le telecamere fanno brutti scherzi, ma speravo almeno in una vittoria. L’abbiamo ottenuta, anzi abbiamo vinto su tre squadre avversarie. L’obiettivo principale era offrire al nostro territorio la vetrina che merita e soprattutto far cimentare i giovani in una cosa nuova, sottolineando l’importanza per la crescita sociale e culturale del Paese, creando tra loro forti legami attraverso momenti di unione, collaborazione e reciproco sostegno in maniera particolare durante gli allenamenti. La mia soddisfazione sta nella reazione della comunità che, inizialmente scettica e diffidente, si mostra entusiasta e sta dando all’iniziativa un sempre maggiore contributo”.

In effetti, durante queste settimane, attraverso il gioco, si è avuta la possibilità di riscoprirsi comunità, sostenendosi anche a distanza con un tifo solidale e sincero. I giocatori della piazza quando non tocca a loro fanno un tifo estremo per la squadra di Via Teluada. A loro va riconosciuto il merito di essersi davvero impegnati e allenati costantemente per conseguire gli ottimi risultati  che li hanno portati alla quarta partecipazioni.

Il gruppo che gareggia è formato da studenti universitari, autisti, disoccupati, imprenditori. Federica Fazzalari e Luigi Raspa giocano, per così dire, in casa, poiché frequentano l’Università a Roma. “Mi sto divertendo molto. Dopo un inizio incerto dovuto alla mia timidezza – racconta Federica – mi sono messa in gioco trasportata dallo spirito del programma: vincere e andare avanti. Abbiamo fatto “squadra” e sono contenta per il bellissimo rapporto che si è creato con gli altri concorrenti: un’esperienza che ha contribuito alla coesione fra noi che, per motivi di studio o altro, siamo lontani dalla nostra terra”.

L’entusiasmo di Federica è condiviso da tutti. I ragazzi ruotano sui vari giochi da affrontare. “Preferisco il “Bersaglione” – dice Luigi che è riuscito bene in diverse prove, come in “Quante ne so” (si devono individuare in un minuto 10 parole con una certa sillaba estratta a sorte). Ma al “Bersaglione” non è stato da meno il giovanissimo Cesare Rullo che, “emozionato” per la bellissima esperienza davvero singolare”, gongola per il prezioso contributo dato alla squadra. Sulla stessa lunghezza d’onda i fratelli Gabriele, Francesco e Alessandra Lavorata: il primo collabora dalla piazza di Caulonia, gli altri due sono a Roma, I ragazzi valutano positivi anche “i rapporti di amicizia e aggregazione che stanno nascendo e che tutto lascia presagire di consolideranno”.

Gregorio Michelotti, autista di linea come Fabio Scuteri, afferma che “di volta in volta” è stato un susseguirsi di emozioni ma la più grande, e non mi sembra vero, è stata quando i conduttori hanno decretato la nostra prima vittoria. Eravamo stati più bravi dei nostri antagonisti di Galatina: stavano là da quattro settimane!”.

Tra gli “eroi” di Piazza Mese invece abbiamo raccolto le impressioni di Luana Scrivo e di Fabio Scuteri. La prima, presente a ogni puntata, fa parte della squadra di “Addenta la prima mela”. “Non sono mai stata una ragazza competitiva – ha detto – ho sempre partecipato ai giochi con lo spirito del divertimento e così ho fatto anche questa volta. Confesso, però, che l’orgoglio per far vincere Caulonia è davvero tanto!”

Fabio, calciatore dilettante, partecipa agli allenamento quando è libero dal lavoro. Il suo contributo è stato prezioso nella gara del palleggio, ma è si è rivelato, come gli altri, ottimo “saltatore alla corda”: “Frutto di allenamenti notturni che ho intensificato nel vedere, attraverso questa trasmissione, che il paese viaggia tutto nella stessa direzione. E’ coeso”.

Stefano Pugliese, il “cantante” della prime due puntate, che ha sbaragliato col televoto, dice: “E’ un’esperienza che mi insegnato a gestire meglio la emotività sul palco e per me è stato motivo di enorme soddisfazione l’aver ottenuto il 67% dei consensi nel confronto con un avversario, Stefano Carlino, che aveva partecipato ad “Amici”.

E’ ancora presto per fare pronostici: non sappiamo se si riuscirà a portare a casa l’ambito scuolabus per i bambini per primaria, ma Caulonia ha già vinto. Rianimandosi grazie alle energie dei suoi giovani, alle bellezze artistiche e paesaggistiche e alla tradizione culinaria e artigianale che, presentate al pubblico italiano, vengono riscoperte con l’aiuto dei più anziani anche dai bambini. Il televoto, poi, hai coinvolto tanti figli di questa terra costretti ad allontanarsi per motivi di lavoro. Il risultato di queste tre settimane, del resto, è un conquista di tutti i partecipanti, che attendono con trepidazione il prossimo week-end quando, alle 11, su Rai 2 saranno di nuovo protagonisti e sfidanti di Aquileia (Gorizia). Forza Caulonia!

CRISTINA SCUTERI (Gazzetta del Sud)

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.