ROCCELLA: SABATO ‘LINEE GUIDA PER COSTRUIRE CITTA’ CHE APPRENDONO’

270

                                                                                 SABATO 1 DICEMBRE 2018

                                                                                                      al

                                                                                     CONVENTO DEI MINIMI

                                                                                       (sala Domenico Bova)

                                                                                  ore 9,45-12,30    15,00-18,30

 

ci ritroveremo con la professoressa Azara per costituire  i tavoli tecnici e  iniziare a programmare il lavoro. Per chi non le avesse già lette, allego nuovamente le linee guida per costruire città che apprendono,  strumento indispensabile in fase progettuale. 

Cordiali saluti.

Rossella Scherl

 

Linee guida per costruire città che apprendono

 

Traduzione a cura di Raffaella Leproni, Liliosa Azara, Paolo Di Rienzo

Dipartimento di Scienze della Formazione, Università degli Studi Roma Tre

Pianificazione

 

Queste linee guida per costruire città che apprendono, sviluppate consultando esperti internazionali da tutte e cinque le regioni UNESCO, si basano sull’analisi dei casi di studio raccolti nella pubblicazione Unlocking the Potential of Urban Communities: Case Studies of Twelve Learning Cities [Sbloccare il potenziale delle comunità urbane: i casi di studio di dodici città che apprendono] e mirano a fornire approcci strategici per costruire città che apprendono (Learning Cities) dinamiche e sostenibili; i criteri contengono indicazioni pratiche cui fare riferimento ad ogni stadio del processo per diventare una città che apprende.

Le linee guida sono divise in sei aree di azione chiave, da adattare al contesto specifico di ogni città: sviluppare un piano d’azione per diventare una città che apprende; creare una struttura coordinata che coinvolga tutti i soggetti interessati (stakeholders); dare inizio al processo e portarlo avanti attraverso eventi celebrativi; assicurare che l’apprendimento sia accessibile a tutti i cittadini; stabilire un processo di monitoraggio e valutazione; assicurare un finanziamento sostenibile.

Sviluppare un piano d’azione per diventare una città che apprende

 

Un piano di azione concreto dovrebbe essere i riflesso di una forte leadership politica e di un impegno deciso:

  • Coinvolgete le autorità e i rappresentanti dei cittadini nell’identificazione dei principali problemi da affrontare, basandovi sulle priorità e gli stimoli specifici della città.
  • Fate un bilancio di quanto già ottenuto raccogliendo informazioni sulle attività rilevanti attuate da diversi settori e stakeholders.
  • Sviluppate la comprensione di cosa implica costruire una Learning City organizzando workshop di capacity-building (mirati allo sviluppo delle competenze per lo sviluppo sostenibile) per vari settori e stakeholders.
  • Ideate un piano d’azione concreto e dotatelo di un titolo accattivante. Il piano dovrebbe definire obiettivi e strumenti di valutazione a medio e lungo termine, basandosi sulle Key Features of Learning Cities [Caratteristiche fondamentali delle città che apprendono].
  • Sviluppate un documento (atto costitutivo) a livello cittadino che delinei le azioni da intraprendere per valorizzare l’apprendimento nella città. Queste azioni dovrebbero essere in linea con le strategie del governo centrale per la costruzione di una società che apprende.

 

 

Coinvolgimento

Creare una struttura coordinata che coinvolga tutti i soggetti interessati

 

Tutte le organizzazioni e i cittadini sono stakeholders (ossia soggetti interessati) in una città che apprende. Si deve quindi creare una struttura che coinvolga tutti gli stakeholders nella costruzione della città che apprende attraverso il dialogo e il consenso.

  • Stabilite un comitato per lo sviluppo della città che apprende, che comprenda rappresentanti di diversi settori. Il comitato dovrebbe raggiungere un consenso sui principi per lo sviluppo, la realizzazione, il monitoraggio e il finanziamento della Learning City.
  • Assicuratevi che tutti gli stakeholders abbiano ruoli e responsabilità definite nel disegno e nello sviluppo del piano della Learning City.
  • Create un forum della Learning City cui le persone possano contribuire e dove possano condividere le proprie e esperienze.
  • Formate sinergie con altre città, a livello nazionale e internazionale, per scambiarvi esperienze, conoscenze, idee e best practice.
  • Entrate a far parte dell’UNESCO Global Network of Learning Cities (GNLC) [Rete Globale delle Città che Apprendono] e di qualsiasi altro network/associazione che possa rappresentare un valore aggiunto.
  • Mantenete rapporti costanti con il Ministero dell’Istruzione e ogni altro Ministero correlato per legare lo sviluppo locale a quello nazionale.

 

 

Celebrazione

Dare inizio al processo e portarlo avanti attraverso eventi celebrativi

 

Generare entusiasmo è vitale per il successo di una città che apprende. Più persone e organizzazioni reagiscono positivamente all’idea di Learning City facendosi coinvolgere, migliori sono le possibilità che essa prosperi.

  • Organizzate un festival del sapere in posti dove la gente si riunisce. Rendetelo un evento festoso e invitate tutte le organizzazioni interessate a mostrare i propri corsi, prodotti e materiali e ad offrire attività pratiche che incoraggino i cittadini a farsi coinvolgere.
  • Organizzate un convegno per disseminare il messaggio della Learning City. Invitate una o più città gemellate a partecipare e condividere esperienze, sapere, idee e best practice.
  • Invitate i media a promuovere e valorizzare la cultura dell’apprendimento.
  • Rinnovate l’interesse degli stakeholders nel programma della Learning City organizzando eventi celebrativi regolari.

 

 

Accessibilità

 

Assicurarsi che l’apprendimento sia accessibile a tutti i cittadini

L’apprendimento deve diventare godibile, disponibile ed accessibile a tutti i cittadini, così da ispirarli e dar loro modo di continuare ad apprendere per tutta la vita.

  • Fornite informazioni, guida e supporto adeguati a tutti i cittadini, in particolare mappe dell’offerta di apprendimento nella città.
  • Stabilite, promuovete e mantenete spazi per l’apprendimento condiviso di base comunitaria (community-based learning) e fornite le risorse per favorire l’apprendimento nelle famiglie e nelle comunità.
  • Identificate le necessità di apprendimento e gli interessi dei cittadini e fornite loro una risposta adeguata.
  • Sviluppate procedure che identifichino, validino e accreditino i risultati dell’apprendimento non formale.
  • Prevedete un supporto speciale basato su accordi e aspetti organizzativi flessibili per i gruppi marginalizzati, inclusi famiglie con retroterra migrante, cittadini con bisogni di apprendimento speciali e persone disoccupate.
  • Aiutate le organizzazioni pubbliche e private a diventare organizzazioni che apprendono.
  • Incoraggiate un ambiente a misura di apprendente nelle città e nelle istituzioni.

 

Monitoraggio e Valutazione

 

Stabilire un processo di monitoraggio e valutazione per assicurare il progresso della città che apprende

Per stimare i progressi compiuti nell’organizzare apprendimento permanente per tutti nella città, è importante monitorare e valutare la prestazione costantemente.

  • Definite i criteri di misura della prestazione e dei progressi cittadini basandovi sul vostro piano d’azione e sulle Key Features of Learning Cities [Caratteristiche fondamentali delle città che apprendono].
  • Stabilite dei meccanismi per documentare il processo, valutando gli interessi e le necessità dei cittadini e raccogliendo dati.
  • Commissionate report regolari che registrino le lezioni apprese e forniscano suggerimenti per il miglioramento.
  • Stabilite strategie collettive per informare tutti gli stakeholders e raccogliere feedback.

 

Sovvenzionamento

Assicurare un finanziamento sostenibile

 

Per realizzare i molteplici benefici di diventare e di sostenere una città che apprende, è necessario assicurare e allocare molteplici fonti di finanziamento sostenibile in modo onesto.

  • Assicurate sufficienti risorse finanziarie per costituire e mantenere la struttura di base del piano d’azione della città che apprende.
  • Sviluppate meccanismi sostenibili di condivisione dei costi che coinvolgano più stakeholders in partnership con aziende, fondazioni, soggetti filantropici, partner internazionali, amministrazioni locali e nazionali, organizzazioni internazionali.
  • Utilizzate in modo efficace le risorse di apprendimento di tutti gli stakeholders.
  • Svolgete analisi di costi-benefici per comprovare i benefici dell’apprendimento.
  • Prevedete disposizioni speciali per persone e gruppi marginalizzati.

 

Per sostenere le città che seguono queste raccomandazioni, il segretariato del Global Network of Learning Cities (GNLC), che ha sede presso l’UNESCO Institute for Lifelong Learning (UIL) [Istituto per l’Apprendimento Permanente], si impegnerà a condurre le seguenti azioni:

  • Facilitare e disseminare la ricerca sull’arricchimento del concetto di città che apprende.
  • Sviluppare diversi strumenti per costruire città che apprendono.
  • Fungere da camera di compensazione per le pratiche di successo nel costituire città che apprendono.
  • Sviluppare e fornire programmi di sviluppo della capacità a membri e partner.
  • Promuovere il dialogo sulle policy e l’apprendimento tra pari (peer learning) tra le città membro.
  • Propugnare l’importanza dell’apprendimento permanente per tutti come principio organizzativo per le politiche educative e promuovere riforme delle policy per sostenere la costruzione di città che apprendono.

Godete dei benefici di diventare una città che mobilita efficacemente le proprie risorse in ogni settore per promuovere l’apprendimento inclusivo dall’istruzione obbligatoria a quella superiore, per rivitalizzare l’apprendimento nelle famiglie e nelle comunità, per facilitare l’apprendimento verso e sul posto di lavoro, per estendere l’uso delle moderne tecnologie di apprendimento, per incrementare la qualità e l’eccellenza nell’apprendimento e per incoraggiare una cultura dell’apprendimento per tutta la vita.

 

 

 

UNESCO Global Network of Learning Cities ‘Lifelong learning for all is our city’s future’

Rete mondiale UNESCO delle città che apprendono “L’apprendimento permanente per tutti è il futuro della nostra città”

 

Per maggiori informazioni sul lavoro dell’UNESCO GNLC e per aderire al network, visitate

learningcities.uil.unesco.org

o contattateci direttamente:

learningcities@unesco.org

 

UNESCO Institute for Lifelong Learning

Feldbrunnenstr. 58

20148 Hamburg Germany

Tel.: +49 40 44 80 41 12

Fax.: +49 40 41 077 23

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.