Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

TUMORI, FORSE E’ BENE SAPERE CHE….

210

“I tumori sono la seconda causa di morte nel mondo. Si muore di tumori secondari piuttosto che di tumore primario nel 90% dei casi. IL grosso problema per cui non si riesce a scoprire quali tumori andranno in metastasi è eterogeneità del tumore”. L’affermazione e della Prof.ssa Caterina La Porta che da anni si occupa di questo problema in modo interdisciplinare al Centro per la Complessità e Biosistemi dell’Università degli Studi di Milano e guida un gruppo di ricerca di notevole valenza. Caterina La Porta è stata ospite del convegno organizzato dal Cenacolo della cultura della Locride nei giorni scorsi e si è soffermata con dovizia di particolari sul male del secolo. ” “I tumori sono eterogenei e l’analisi che abbiamo condotto su singole cellule tumorali ha ampliato la nostra conoscenza dello sviluppo del cancro – afferma Caterina La Porta, che è anche professoressa di patologia generale al Dipartimento di scienze e politiche ambientali presso l’Università di Milano – In particolare, i nostri studi ci aiutano a capire come si originano le metastasi. Infatti, sappiamo che le metastasi possono formarsi anche a distanza di anni e in zone diverse da quelle del tumore primario. Abbiamo sviluppato un approccio basato sull’intelligenza artificiale con il quale possiamo letteralmente vedere come avvengono queste trasformazioni usando i metodi della scienza delle reti su singole cellule. L’obiettivo finale è di superare l’ostacolo dell’eterogeneità tumorale per sviluppare trattamenti personalizzati e quindi dare una risposta concreta alla richiesta di medicina personalizzata”. Oltre a pubblicazioni su riviste internazionali la Prof. La Porta con colleghi fisici, matematici e economisti ha dato vita ad uno Spin Off che ha sviluppato una piattaforma, chiamata “Ariadne”, in grado di stimare il rischio di sviluppare metastasi. L’obiettivo è quello di mettere la piattaforma a disposizione degli ospedali per poterli aiutare nella scelta della migliore strategia terapeutica ed evitare trattamenti eccessivi quando non necessari. Questo aspetto risulta particolarmente rilevante per i tumori pediatrici perché è stato accertato che il trattamento chemioterapico o radioterapico prolungato incide molto pesantemente sulla qualità di vita di questi piccoli pazienti.

Aristide Bava

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.